Borse morbide/rigide, Recensioni

Borsa morbida Kappa WA405F

Introduzione al prodotto

Il trasporto dell’equipaggiamento è sicuramente per un motoviaggiatore un tema “delicato” e indubbiamente pieno di scelte più o meno facili da fare. In base alle mie necessità ed alle mie esperienze, sto cercando di abbandonare il più possibile bauletti e borse laterali rigide. Ho quindi optato per l’acquisto di una borsa morbida a rullo posteriore. Ho guardato un pò in giro ed alla fine la mia scelta è ricaduta sulla Kappa Dry Pack 40, una borsa a rullo con apertura e chiusura a rigiro sul lato superiore, cinghia a tracolla per eventuale trasporto a mano ed un bel colore arancione fluo visibilissimo.

Sinceramente non conosco la data di uscita sul mercato di questo prodotto, ma è attualmente in produzione. La scelta è ricaduta su questa marca poiché, facendo parte del gruppo Givi, è sicuramente segno di una buona qualità, ma il motivo principale è stata la disponibilità di un budget limitato nel periodo di acquisto.

Esperienza d'acquisto del prodotto

Ho acquistato questa borsa a rullo in offerta su Amazon a febbraio 2020, dopo averla vista nei negozi specializzati almeno a 25/30 euro in più, al prezzo di € 36,90 e, come avviene nel 99% dei casi, l’esperienza di acquisto su questo sito è stata totalmente positiva, con spedizione super veloce e precisa.

Immagini del prodotto

Dettagli sul montaggio o trasporto del prodotto

L’ho trasportata sia su strade asfaltate che sterrate, anche abbastanza sconnesse, senza mai avere problemi. Purtroppo a causa del lockdown l’ho testata solo per 5/6000 km, ma è bastato per farmi un’idea abbastanza chiara del prodotto. Personalmente la fisso su una piastra Givi M8, con le sue cinghie elastiche a gancio in dotazione, molto robuste, che vanno fatte passare nelle asole predisposte sulla borsa. Il fissaggio non è sicuramente dei più veloci, perché bisogna trovare innanzitutto il proprio modo personale di posizionarla e di far passare le cinghie, non essendoci uno standard, però posso dire che, una volta piazzata e tirando bene le cinghie elastiche, non si muoverà di un centimetro da dove la metterete.

Dettagli sul comportamento del prodotto durante l'utilizzo

Sono molto soddisfatto da questa borsa perché è realizzata in materiale molto robusto, completamente impermeabile, molto visibile grazie al suo colore arancione ed inserti riflettenti ed è molto capiente, infatti al suo interno riesco a farci stare: tenda, 2 sacchi a pelo compatti, 2 materassini autogonfianti compatti, 2 cuscini gonfiabili e una lampada per la tenda. All’occorrenza riesco a farci stare anche un’antipioggia! L’ingombro, considerando comunque che si parla di una borsa da 40 litri, non è eccessivo.

Si tratta di un cilindro di circa 25/30 cm di diametro e 60/70 cm di lunghezza. Ha la classica chiusura a rigiro e fibbia ad incastro in plastica resistente ed inoltre è dotata di tracolla per portarsela dietro molto comodamente, se non si vuole utilizzare la maniglia in cordura di cui è fornita, da vuota è molto leggera e poco ingombrante. Ho avuto modo anche di apprezzare la sua completa impermeabilità avendo incontrato condizioni meteo sfavorevoli. Come ho detto prima, quando è fissata alla moto non si muove più, questo anche grazie al materiale di cui è formata, che risulta essere leggermente “gommato”.

Un neo di questa borsa secondo me è il modo in cui passano le cinghie per fissarla. Sono infatti presenti delle asole ai due lati opposti, disposte secondo la circonferenza della borsa, come si vede dalle foto. Questo rende difficoltoso, se non quasi impossibile, estrarre ciò che si trasporta senza smontare la borsa dalla moto, poiché le cinghie elastiche esercitano non poca pressione verso l’interno. Sicuramente avrei apprezzato di più un sistema di fissaggio per esempio con degli anelli a “doppia D” posizionati sul lato inferiore. La ritengo molto utile dal punto di vista della sicurezza passiva perché col suo colore è davvero difficile non vederla, come già dicevo in precedenza.

Confronto con altri prodotti simili

Questa è la prima borsa a rullo che acquisto e provo, quindi non saprei fare un confronto con prodotti simili. Indubbiamente ha i suoi pro ed i suoi contro, ma la preferisco ad un bauletto rigido, soprattutto per il fatto che ha un baricentro più basso, è più leggera e vibra infinitamente meno, sollecitando poco la piastra.

PRO e CONTRO di questo prodotto rispetto agli altri

  • impermeabilità
  • visibilità
  • capienza
  • robustezza dei materiali
  • lentezza nel montaggio e smontaggio
  • facilità di eventuale furto

Consigliamo questo prodotto ad altri motoviaggiatori?

La consiglierei sicuramente a voi motoviaggiatori, personalmente la ricomprerei ad occhi chiusi in caso di necessità! Buona strada!

Link per acquistare il prodotto

Galleria fotografia del prodotto

author-avatar

Relativo a Riccardo Aires

Ciao! Sono Riccardo Aires, un montanaro piemontese nato a Torino nel 1988. La mia più grande passione è la moto, e da quando avevo 14 anni non posso più farne a meno. Andare in moto è per me un modo di sentirmi libero e staccare dai pensieri quotidiani. Amo far chilometri, godere degli splendidi paesaggi e buttarmi in nuove avventure! Una volta indossato il casco stacco la spina e mi sento in un altro mondo.. Felice di condividere con voi le mie esperienze tramite la community Partireper!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *