Gionata in viaggio, TAPPA 1: Italia - Sud Corea

Giappone: Fushiki – Osaka, 300km in 10 ore.

gionata-nencini-partireper-honda-transalp-un-viaggio-nel-mondo-in-moto-tour-transiberiano-giappone-fushiki-osaka

NOTA: questo articolo è stato riesumato da un archivio web nel Luglio 2015 e postato rispettando la data originale in cui è stato scritto la prima volta. Testo trascritto senza alcuna correzione

Non so nemmeno io come ho fatto a metterci cosi’ tanto.

Arrivo a Fushiki terrorizzato dai metri di neve che, snza interruzione, cadono a fiocchi mastodontici.

Meto le mani sulla moto solo il giorno dopo, ho treore.

I ragazzi che ho conosciuto nel lontano settembre, spaesato e disperato, mi ricordano con un sorriso e si offroo di aprire per me la loro officiana e farmi fare quello che voglio.

Ma devo essre LUCIDO, e cosi’ con calma e con lenozioni fornitemi…

Smonto e pulisco il serbatoio.

Scolo e cambio olio motore

Cambio filtro olio

Tento di svuotare i cilindri da eventuali infiltrazioni di benzina

Carico la batteria

Sostituisco le candele vecchie emetto le nuove

Monto il nuovo diaframma al rubinetto benzina

Monto le valvle di strozzamento aria sui due carburatori

Monto il serbatoio con il suo rubinetto.

Cambio filtro aria e pulisco l’indotto dell’aria.

Metto in moto.

Alla terza riparte.

Regolo la carburazione.

Il voltmetro segna il coltagio giusto.

Il motre e’ caldo e provo a sgassare.

Fumo incolore.

Ricucio le carene con trapano e filo i ferro

Mono la piastra posteriore sul porta pacchi inventando uno spssore di legno sagomato

Tendo dei doppi fili d’acciaio sulle staffe laterali che bloccare devono reggere solo il peso delle borse laterali.

Distribuisco i pesi a dovere.

Elimino le cose inutili e prepao un pacco di roba accumulata in Russia ad spedire a casa.

Fisso alla meglio il cpolino frontale con le fascette rimaste.

Scarto le carene, le pulisco, le sgrasso, le rivernicio.

Contatto gli sponsor ufficiali affinche’ mi facciano avere i nuovi adesivi.

Gonfio le gomme mantenendomi sotto ai valori standard di atmosfere per avere piu’ attrito sulla neve e sul ghiaccio.

Fisso con un collante al silicone il serbatoio dello Scottoiler che si era rotto in Russia.

Faccio il pieno di benzina Giapponese e riparto.

Neve, vento, ghiaccio, neve, pioggia. Montagne, cieo plumbeo, mare morto, neve, mani gelide, piedi umidi, tensione, timore di un gusto.

Lento e solenne, arrivo ad Ishibashi, entusiasta.

Gasato.

E per festeggiare. Trovo un chiodo nel parcheggio della Green House e, appena fermo ed arrivato, sento la mia esuberanza che si sgonfia con il ssssssssssssss della uota poseriore che si e’ appena bucata.

Domani la sonto e la porto a acmbiare.

Per essere una camera d’aria vecchia, bucatasi in Georgia, credo che aver retto ad un mese di Russia off road, e 4 di parcheggio forzato al caldo, freddo caldo freddo, e poi avermi fatto fare 300 no stop, sia un bel record.

Se soloKarol Kinsky lo sapesseeeeeeeeeeeeeeee.

Si riparte.

Ma a anno nuovo.

author-avatar

Relativo a Gionata Nencini

Mi chiamo Gionata Nencini, toscano classe 1983 e viaggiare in moto è la mia più grande passione. Nel 2005, a 21 anni, parto per il giro del mondo con in tasca solo 2.200 euro e oggi ho uno storico di 500.000 km percorsi in solitaria attraverso 77 paesi. PARTIREper è il blog che racconta le mie esperienze e quelle della mia community.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *