Abbigliamento Tecnico, Recensioni

Casco X-Lite X-551 GT

Introduzione al prodotto

Come spiegato nel Manuale del Motoviaggiatore, la scelta del casco è molto soggettiva e prima di un eventuale acquisto dovresti considerare alcuni criteri importanti del modello valutato, fra cui:

  • Comfort
  • Impermeabilità
  • Protezione dal freddo
  • Protezione dalle turbolenze
  • Ventilazione
  • Peso
  • Durabilità

L’X-551 GT è il primo modello X-Lite che provo e il sesto modello che indosso dall’inizio del mio giro del mondo durato otto anni. Nel mio storico ci sono anche caschi AGV, SCORPION e GIVI, riferimenti in base ai quali redatto questa recensione. Il modello X-551 GT è anche il casco che utilizzo tutt’ora in Sud America per guidare i tour in Patagonia e Terra del Fuoco o sull’Altipiano boliviano.

Questo test è stato realizzato su strada (non su banco) durante un viaggio di 4.200 km nelle terre estreme dell’Argentina e Cile del Sud, affrontando ogni condizione climatica e diversi manti stradali fra cui i caldi asfalti della zona centrale e gli sterrati patagonici. Sono mancati invece i climi rigidi e la neve, ma ho constatato la validità di tutte le caratteristiche sopra riportate nelle varie condizioni presenti e questa recensione si basa sull’impressione diretta che ne ho ricavato.

Esperienza d'acquisto del prodotto

Casco fornito da Nolan Italia per un test in Patagonia durante i viaggi che organizzo con Ride True ADV.

Il costo di listino era di € 430.

Immagini del prodotto

Dettagli sul montaggio o trasporto del prodotto

L’X-Lite X-551 GT è un casco enduro-turistico che pesa 1.430 gr, è dotato di doppia visiera (trasparente e oscurata a scomparsa), pinlock, 3 prese d’aria (1 frontale e 2 superiori), chiusura con DD-Ring e interni rimovibili.

Il suo utilizzo è indicato per il motoviaggiatore che desideri un casco comodo, leggero e adatto ai viaggi a lungo raggio (sia on che off). La montoniera è ben ventilata il che può rendersi molto utile nei mesi caldo e i km afosi che si andranno a percorrere, ma offre un abbondante accesso al vento basso, quando presente.

Il parasole richiama al look da cross ed è rimovibile. Il suo utilizzo alle alte velocità non pregiudica il confort di questo casco che conferma le sue qualità costruttive anche grazie all’ottima impermeabilità in caso di pioggia con vento.

Dettagli sul comportamento del prodotto durante l'utilizzo

L’X-551 GT è realizzato con interni anallergici e rimovibili, il che lo rende confortevole anche dopo un lungo utilizzo in quanto è possibile ripristinarlo con un semplice lavaggio in lavatrice, staccando in pochi minuti le 3 parti di cui è composto. Lo smontaggio dei componenti cui è composto il casco risulta facile e dopo il rimontaggio la funzionalità e comodità non è alterata. Gli spazi aperti della montoniera sono ben proporzionati per la fisionomia del viso permettendomi di non avere quella sensazione di “naso e bocca schiacciati” che ho sentito recriminare da amici con altri caschi. Non è un casco che soffoca in quanto la montoniera è proporzionata, conferendogli una buona protezione dal vento e dagli schizzi frontali spinti dal vento. C’è però da dire che il profilo meno accentuato della montoniera tende a far passare le raffiche di vento basso, riscontro che avuto personalmente nella Terra del Fuoco (quest’anno ci sono state raffiche da 200 km/h). La conseguenza è stata la presenza di una quantità di vento superiore nella zona del mento e delle labbra che è stata facilmente ovviabile con un collare o balaclava.

L’impermeabilità dell’X-551 GT è ottima, anche in presenza di pioggia a vento. Dalle prese d’aria, se opportunamente chiuse, non entra acqua e la guarnizione della visiera compie perfettamente il suo lavoro. I caschi X-Lite sono anche gli unici modelli testati che prevengono il deterioramento di questa guarnizione fornendo in ogni casco anche il kit LUBRI-TRIM (composto da un tubetto di lubrificante, un panno anti graffio e un libretto di istruzioni) con il quale mantenere idratata la guarnizione. Il freddo invece trova facile accesso da sotto la montoniera in quanto lo spazio libero è maggiore rispetto a un tradizionale modulare o un integrale, ma devo riconoscere che se dotati di una balaclava invernale, passa montagna o collare da moto, questo problema è facilmente risolvibile.

In altri modelli analoghi il vero punto debole erano le turbolenze causate dalla vibrazione del parasole, ma quello dell’X-551 GT, ancorato su 3 perni filettati (e quindi regolabili nel tempo), non risente di questo problema nemmeno oltre i 130 km/h. Quando un casco presenta questo tipo di vibrazioni, l’esperienza di guida a lungo raggio presenta innumerevoli difficoltà, sia per quanto riguarda la stanchezza mentale del pilota (che deve convivere con un perpetuo rumore nelle orecchie) che con delle forti turbolenze che a lungo termine lo stancano anche fisicamente.

La ventilazione prevede 3 griglie (1 frontale e 2 superiori, tutti con valvola di apertura) e sono in grado di rendere questo casco fresco nei mesi afosi e non causano infiltrazioni d’acqua durante la pioggia. Il peso è contenuto, con i suoi 1.400 grammi. Per quanto riguarda la durabilità dei componenti non ho riscontrato alcun difetto immediato né tanto meno dopo i primi 4.000 km di utilizzo. Ho effettuato un lavaggio totale degli interni e della struttura e il casco adesso sembra ancora nuovo.

L’X-551 GT viene proposto da X-Lite come casco integrale e come tale non presenta modifiche nella sua struttura, se non la visiera che è possibile rimuovere completamente grazie a 3 viti filettate. Per questo motivo ho deciso di attribuire un’altra categoria per questo casco che, sia sul Manuale del Motoviaggiatore che nelle pagine di questa recensione, sarà quella di casco Enduro-Turistico.

Confronto con altri prodotti simili

Ho provato diversi caschi, sia Givi (X.08 e X.09), Scorpion (Exo 3000) che AGV (Gp Pro e Stealth), ma strutturalmente questo X-Lite X-551 GT è il modello enduro-turistico più affine con il concetto di moto avventura on-off. La linea estetica è molto curata, ma l’aspetto qualitativo dei componenti è altrettanto ricercato, offrendo un casco leggero, comodo da indossare, facile da smontare/lavare e duraturo nel tempo. Le vibrazioni del parasole, punto debole di molti caschi che ho provato, non sembrano essere un problema per l’X-551 GT che non risente del forte vento. L’impermeabilità è mantenuta nel tempo a livelli ottimali grazie anche al kit LUBRI-TRIM incluso nella confezione.

PRO e CONTRO di questo prodotto rispetto agli altri

  • Comfort
  • Impermeabilità
  • Ventilazione
  • Durabilità
  • Poca Rumorosità
  • Buon rapporto qualità/prezzo
  • Scarsa protezione dal vento
  • Scarsa resa con le turbolenze
  • Peso importante
  • Ampiezza visuale limitata

Consigliamo questo prodotto ad altri motoviaggiatori?

L’Enduro-Turistico appare esteticamente come un casco da cross (con un parasole), ma è munito anche di visiera anti-pioggia e di conseguenza di pinlock e lenti solari a scomparsa (analogamente ai modulari tradizionali). Per quanto riguarda la ventilazione e la protezione dal freddo presenta gli stessi pro e contro di un casco da cross, ma ha il vantaggio di non necessitare l’utilizzo degli occhiali da cross in quanto il volto è protetto dalla pioggia dalla visiera.

Link per acquistare il prodotto

Galleria fotografia del prodotto

author-avatar

Relativo a Gionata Nencini

Mi chiamo Gionata Nencini, toscano classe 1983 e viaggiare in moto è la mia più grande passione. Nel 2005, a 21 anni, parto per il giro del mondo con in tasca solo 2.200 euro e oggi ho uno storico di 500.000 km percorsi in solitaria attraverso 77 paesi. PARTIREper è il blog che racconta le mie esperienze e quelle della mia community.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.