Abbigliamento Tecnico, Recensioni

Casco Caberg Xtrace

Introduzione al prodotto

Da quando nel lontano 2016 ho iniziato a fare off con la mia maxienduro, soprattutto quando mi recavo a fare tendate con gli amici nel bel mezzo del nulla, ho subito capito che il mio casco da turismo non poteva rischiare di essere graffiato fra rovi, rami e probabili cadute; ho voluto quindi affiancarne uno più dedicato per le uscite “pazze” senza però rinunciare ad alcuni fattori, quali visierino per il sole e leggerezza.

Dopo aver letto innumerevoli forum, thread e pagine, tramite i consigli di amici soprattutto, sono approdato in casa Caberg, marchio italiano da non molti anni sul mercato.

Ho subito capito che non ha niente da invidiare al tanto amato Shoei GT Air con cui faccio solo strada, e nel tempo ho apprezzato le caratteristiche di un casco propenso all’ offroad, con leggerezza, ampia visiera e ed eccellenza.

Esperienza d'acquisto del prodotto

Preso su Amazon pagandolo solamente 120 Euro.

Immagini del prodotto

Dettagli sul montaggio o trasporto del prodotto

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli sul comportamento del prodotto durante l'utilizzo

Questo casco è stata una manna dal cielo, non posso che parlarne benissimo.

Dopo circa 4 anni e 50000 km percorsi posso dire che il rapporto qualità/prezzo è eccellente.

Unici difetti riscontrati sono il frontino che tende a vibrare ad elevate velocità e la presa d’aria frontale molto ostica a scendere e salire.

In caso di pioggia basta tenere leggermente aperta la visiera per evitare l’effetto antiappannamento, ma dopo un po, essendo un casco ben ventilato, anche a visiera chiusa il problema non si presenta nonostante l’assenza del pinlock (non ho mai avuto bisogno di acquistarlo).

Gli occhiali da sole hanno una lente scura, fanno egregiamente il loro lavoro.

Confronto con altri prodotti simili

Purtroppo non ho esperienza con altri caschi della stessa tipologia (con frontino).

Se paragonato al mio Shoei Gt air questo caberg vanta una comodità di calzata, maggiore aerazione (ideale per i periodi caldi) e forse qualcosa di meglio per quanto riguarda il peso, ma essendo 2 caschi concepiti per un utilizzo completamente diverso, non mi sento di paragonarli. Posso solo dire che lo ricomprerei subito, tant’è che il GTAir ormai lo uso solamente nel periodo invernale per lunghi tragitti autostradali.

PRO e CONTRO di questo prodotto rispetto agli altri

  • Prezzo di acquisto
  • Comodità di calzata
  • Visibilità e visierino sole
  • Molto ben ventilato per le calde giornate
  • Linguetta per occhiali da sole solida e facile da trovare
  • Presa d’aria frontale dura
  • Cuffie per interfono troppo lontane dalle orecchie
  • Vibrazione del frontino ad alte velocità
  • Non lo consiglio in inverno

Consigliamo questo prodotto ad altri motoviaggiatori?

Se state cercando un casco comodo per fare offroad con maxienduro, economico e leggero, fa sicuramente al caso vostro; io ci ho fatto anche 800 km in un giorno, fra autostrada e passi, ma la distanza fra le cuffie e le orecchie faceva capire poco la conversazione telefonica, a differenza però di una calzata comodissima.

Per on-off è ideale e non tralascia comodità come sottomento e paranaso.

Lo ritengo un ottimo casco “da battaglia” che non tralascia diverse comodità.

La colorazione del mio casco è identica a quella della Honda Africa Twin Tricolor dal 2016, quindi se avete questa moto, l’abbinamento sarà perfetto.

Link per acquistare il prodotto

Galleria fotografia del prodotto

author-avatar

Relativo a Valentino Il Vale

Ciao, sono Valentino "Il Vale", classe 1985.. più che di una passione parlerei di una malattia (nel senso buono eh).. se non vado in moto sto male,divento nervoso, mi sento soffocare; è lei che mi chiama, è l’amore per la strada e poco importa quale sarà la prossima meta. Lo percepisco già nel momento in cui mi preparo per scendere in garage, o prima della partenza. Poco importa se in solitaria o in compagnia della fidanzata/amici, in tenda o in una camera prenotata all'ultimo, strada oppure off, con le valigie laterali o una sacca stagna… non fa alcuna differenza, basta salire in sella e andare, indipendentemente dalla stagione. Sogno di "PartirePer"… alla mia maniera, senza sponsor, tecnologie, obblighi o doveri, nel modo più semplice possibile.. io e la moto, per passione. Spero di poterti essere d'aiuto con pareri, impressioni, foto e aspettative deluse o confermate. Hai fatto il pieno? Si parte… verso l’infinito e oltre.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *