Gionata in viaggio, TAPPA 4: Nuova Zelanda

30 Gennaio 2008

Sveglio alle prime ore del mattino.

Parto direttissimo al primo internet café di New Brighton, ma la connessione é così lenta che ho lo stesso problema. Pago 2 dollari e adesso me la devo pure vedere con la smania di guidare fino in centro città.

Arrivo all’inter point più costoso della città, mi siedo e avvio l’upload. Intanto posto un invito a tutti i lettori dei forum di dare un occhio al filmato.

newzealand1074Torno alla biblioteca dove copio qualche cs musicale nel computer in formato mp3, chissà che non mi facciano comodo per i prossimi filmati.

Lara mi messaggia e dice di avere un casco con se e di passare dalla biblioteca per farsi riaccompagnare a casa in moto.

Ci avventuriamo per le vie della città, stracarichi, con la borsa da sella legata al trepiedi sulla staffa della borsa posteriore Givi. Un macello.

Sosta per comprare un gelato al supermercato ed ecco che la mia vena interpretativa spunta all’improvviso davanti alla cassa. Con Mauro, ad Auckland, mi sdraiavo nel carrello ed andavo ad intervistare le persone che fanno la spesa usando un cetriolo come microfono. Dovreste vedere le scene.

In NZ certe cose le fai solo da ubriaco e così, oggi, con Lara che ride alle mie spalle, faccio lo scemo con il cassiere e lo faccio ridere. Gli dico che lo amo e che lo voglio sposare. Niente di speciale, ma la reazione dei presenti é euforica.

Fuori dal supermercato trovo una banconota da 5 dollari per terra. Ho praticamente comprato i gelati gratis.

Il cassiere esce con il lungo vagone di carrelli della spesa inpilati l’uno con l’altro. Ci salto sopra e mentre lui spinge ridendo e sottolineando che sono pazzo, io faccio finta di nuotare a rana e delfino sospeso sull’anima metallica dei carrelli.

A casa ceniamo con poco e scambiamo due chiacchiere. Lara mi chiede di posare per uno dei suoi dipinti, dove le serve l’ombreggiatura dei muscoli della schiena.

Sono lì tutto teso e gasato e lei mi dice che la schiena che sta disegnando é la schiena di una donna.newzealand1076

NO! Ci rido sopra e vedo che lo schizzo sulla tela é davvero bello. A parte il fatto che la mia schiena da forma ad una corpo con il seno ed i capelli lunghi……

Vabbé.

Domani é il giorno della partenza e così andiamo entrambi a letto presto. Ho fatto una lavatrice ed adesso i panni stendono al riparo dalla pioggia nella sala dove passo la mia ultima notte.

Buona notte.

author-avatar

Relativo a Gionata Nencini

Mi chiamo Gionata Nencini, toscano classe 1983 e viaggiare in moto è la mia più grande passione. Nel 2005, a 21 anni, parto per il giro del mondo con in tasca solo 2.200 euro e oggi ho uno storico di 500.000 km percorsi in solitaria attraverso 77 paesi. PARTIREper è il blog che racconta le mie esperienze e quelle della mia community.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *