Dati, Apps e Dispositivi, Protezioni e Supporti, Recensioni

Quadlock per moto

Introduzione al prodotto

Quadlock non è solo un porta cellulare per moto, ma un sistema multifunzione adattabile a tutte le esigenze.

Mi sono avvicinata a questo prodotto quasi per caso. Mi compariva il post sponsorizzato su Facebook e un giorno per curiosità sono andata a sbirciare sul sito quadlockcase.com

Qui ho realizzato di aver trovato il porta cellulare per la mia moto più adatto alle mie esigenze.

Ho avuto modo di provarlo per la maggior parte su strade asfaltate, ma anche sugli sterrati dell’Eroica e nelle stradine sterrate del mio Friuli per un totale di circa 4000 km più o meno.

Esperienza d'acquisto del prodotto

Dopo aver spulciato a fondo il sito e letto le varie recensioni dei clienti ho acquistato direttamente dal sito quadlockcase.com il Moto Mount Kit comprensivo di case per il telefono, supporto per il manubrio della moto e cover copri pioggia (che è opzionale). Ho approfittato del Black Friday per acquistare il kit con un buono sconto, ho pagato 69,90€ invece di 99 €. il pacco è arrivato tramite corriere dopo pochi giorni dall’ordine online.

Immagini del prodotto

Dettagli sul montaggio o trasporto del prodotto

Nella confezione era presente tutto il necessario per il montaggio, compresa la chiave a brugola.

Le varie sezioni del supporto si connettono tramite una piccola vite. Le configurazioni possibili sono 2: con il sistema di aggancio vicino al manubrio oppure con il braccetto che permettere di posizionare la leva di aggancio in qualsiasi posizione in un raggio di 360°.

Una volta posizionato il supporto per il manubrio è la volta del case per il telefono: al momento dell’acquisto è possibile scegliere il case in base al modello del proprio telefono. Io possiedo un Iphone 6s e ho acquistato la cover adatta: questa veste perfettamente il telefono rispettando i fori di ingresso per cuffie, cavo di ricarica e tasti volume e blocco schermo.

Sul retro della custodia è presente il sistema di aggancio a baionetta: si appoggia sul supporto del manubrio e semplicemente twist and lock! Il telefono è perfettamente bloccato al suo posto.

Lo sgancio è altrettanto semplice: si preme la leva di sgancio, gira e solleva e il telefono è sganciato!

io ho acquistato anche la cover anti pioggia. anche questa è fatta su misura per il mio telefono. Copre perfettamente tutti i fori, la fotocamera e lo schermo.

Dettagli sul comportamento del prodotto durante l'utilizzo

Appena ho montato il supporto al manubrio ho potuto constatare la semplicità del prodotto ma allo stesso tempo l’ottima qualità dei materiali e l’intuitività di utilizzo.

Quando il telefono non è attaccato al suo supporto sul manubrio della moto è ben protetto dal case: il materiale che viene utilizzato è semi rigido e spesso sui bordi per facilitare l’inserimento del telefono, sul retro, dove si trova l’aggancio, è in plastica rigida lievemente sporgente. potrebbe risultare un po’ scomodo inizialmente, ma io ci ho fatto presto l’abitudine tanto che con il tempo non te ne accorgi più.

La cover protegge in maniera eccelsa il telefono da cadute accidentali: durante una sosta mi sono scordata di chiudere la zip della borsa da serbatoio e nel mettermi sulle spalle la borsa il telefono ha fatto un volo di un paio di metri sull’asfalto senza riportare fortunatamente gravi danni allo schermo o alla scocca, solo qualche graffio sulla cover e nulla di più.

Quando il telefono è agganciato al supporto non si muove di mezzo millimetro, resta ben ancorato al suo posto, anche durante la marcia, a velocità autostradali, non ho riscontrato nessun problema. La difficoltà che ho avuto inizialmente è stato trovare l’inclinazione corretta per agganciare il telefono al supporto, poi con la pratica è diventato molto più semplice.

Il supporto permette di agganciare il telefono in verticale o in orizzontale, secondo le esigenze dell’utilizzatore. Io mi trovo meglio con in telefono messo verticalmente, anche perché ho più facile accesso alla leva di sgancio e posso sganciarlo con una sola mano.

La cover antipioggia ho avuto poche occasioni per utilizzarla. Copre perfettamente il telefono. È semplice da mettere, la difficoltà maggiore che ho riscontrato è stato nel momento in cui va rimossa. Si può utilizzare il telefono anche con la cover antipioggia inserita perché è sensibile al touchscreen dei moderni smartphone, se pero è montata una pellicola protettiva o vetro temperato a protezione dello schermo, la cover perde notevolmente la sua sensibilità costringendo alle volte a toglierla perché lo schermo non risponde all’input tattile.

Utilizzando il telefono come navigatore la batteria del telefono si scarica con molta rapidità rispetto al  normale utilizzo che ne faccio, costringendomi a tenerlo collegato per tutto il tempo di utilizzo alla presa USB 12V della moto per mantenerlo in carica. Purtroppo con la cover antipioggia questo non è possibile perché copre anche l’ingresso per il cavo di ricarica, costringendomi in caso di pioggia a rimuovere il telefono dal supporto per preservare la batteria residua e spegnere la navigazione. Fortunatamente sono sempre più frequenti i giorni di sole che di pioggia durante i miei peregrinare in moto.

Confronto con altri prodotti simili

Prima di acquistare il sistema Quadlock, possedevo un portanavigatore Cellularline. l’idea iniziale era quella di utilizzare il navigatore da auto che già possedevo, purtroppo si è rivelata fallimentare per difficoltà di carica del dispositivo con la presa USB della moto. ho quindi iniziato a usarlo per metterci il telefono per utilizzarlo come navigatore con Maps.

Nei mesi estivi il cellulare si surriscaldava troppo e si spegneva entrando in protezione per l’utilizzo intenso dovuto alla costante ricarica quando è attiva l’app Maps e la plastica trasparente del porta navigatore che attira in maniera eccessiva il calore e non ne permetteva la dispersione efficace. Ero costretta a fermarmi e riporre il telefono al riparo dai raggi solari all’interno della giacca per evitare che si rovinasse irrimediabilmente e proseguire senza l’utilizzo del navigatore. Da quando utilizzo Quadlock ho definitivamente risolto il problema surriscaldamento perché il telefono è sottoposto a correnti d’aria che lo mantengono alla giusta temperatura anche dopo molte ore di utilizzo e di carica.

PRO e CONTRO di questo prodotto rispetto agli altri

  • versatilità di utilizzo anche in macchina, in bicicletta a casa con i rispettivi supporti
  • cover protettiva funzionale anche in caso di cadute accidentali
  • montaggio semplice e veloce
  • ventilazione del telefono ottimale
  • aggancio/sgancio rapido
  • molteplici configurazioni del supporto
  • impossibilità a ricaricare il telefono con la cover antipioggia montata
  • aumenta il rischio di rovinare lo stabilizzatore d’immagine della fotocamera con le vibrazioni

Consigliamo questo prodotto ad altri motoviaggiatori?

Per motoviaggiatori “amatoriali” come me è sicuramente un buon prodotto, permette di avere sotto occhio il telefono quando è in modalità navigatore. Nei viaggi a breve-medio raggio è un buon compromesso per quelli che non vogliono andare a imbarcarsi nell’acquisto di navigatori ad hoc.

Quando un motoviaggiatore vuole cominciare a pensare ad avventurarsi in luoghi più lontani ed esotici personalmente mi sentirei di consigliare di investire qualche soldino in più in un navigatore per moto di fascia medio-alta.

Il problema principale che è stato riscontrato da alcuni utilizzatori è stato lo stabilizzatore d’immagine della fotocamera che con le vibrazioni del manubrio si rompeva. Quadlock recentemente ha trovato una soluzione al problema, introducendo sul mercato come accessorio il Vibration Dampener. Potrebbe essere un aggiunta al mio sistema per evitare in futuro di rovinare la fotocamera e rendere cosi completo tutto il sistema Quadlock senza dover per forza acquistare un navigatore.

Link per acquistare il prodotto

QUADLOCK

SUPPORTO PER MOTO

Galleria fotografia del prodotto

author-avatar

Relativo a Francesca Puiatti

Motociclista, infermiera, avventurosa pantofolaia… questa sono io, Francesca. Friulana classe 1991. Ho cominciato a girare in moto insieme al mio babbo quando avevo 10 anni in sella a una vecchia Yamaha XJ600 alla scoperta delle montagne e dei paesaggi più belli che la mia terra ha da offrire. Poi sono cresciuta troppo per essere solo una passeggera. Nel 2018 prendo la patente A e dopo pochi mesi scatta il colpo di fulmine con la mia V-Strom 650. Da quel momento non mi sono più fermata, ho percorso in lungo e in largo le più belle strade del mio Friuli e delle Dolomiti, condiviso le prime esperienze di viaggio in sella alle nostre due ruote con il mio papà e affrontato i miei primi viaggi in solitaria tra imprevisti e peripezie ma sempre con il sorriso sulle labbra che mi contraddistingue perché la moto per me è libertà, avventura, adattamento e un pizzico di sana pazzia. Dopo aver conosciuto Gionata e partireper.it la voglia di spingere le ruote su nuovi sentieri si fa sempre più grande e spero di far arrivare anche a voi che mi leggete la mia voglia di nuovi viaggi e nuove scoperte.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.