Abbigliamento Tecnico, Recensioni

Completo tecnico Rev’it Neptune 2 GTX

Introduzione al prodotto

Quando ho affrontato il primo viaggio in moto con mio papà, il mio abbigliamento motociclistico consisteva in una giacca di pelle e jeans in denim normalissimi. Dopo un acquazzone epico in cui mi sono ritrovata zuppa anche in posti inenarrabili, ho capito di aver bisogno di qualcosa di più tecnico, sicuro e adatto alle varie condizioni meteorologiche che si possono trovare girando in moto.

Guardandomi in giro e sfogliando online i cataloghi dei vari marchi, sono incappata nel completo Rev’it Neptune 2 GTX.

Da novembre 2019 che ho acquistato il completo giacca e pantalone ad oggi in cui scrivo queste righe, ho percorso circa 6000 km in quasi tutte le condizioni meteorologiche (sole, freddo, pioggia) con percorsi soprattutto stradali, ma anche sterrati abbastanza impegnativi per le mie capacità di guida.

Esperienza d'acquisto del prodotto

Prima di affrontare la spesa, mi sono informata presso il punto vendita di fiducia della mia città, dove poi l’ho acquistata. Sono riuscita ad approfittare di uno sconto particolarmente vantaggioso durante il Black Friday del 2019 e mi sono aggiudicata il tutto con uno sconto complessivo di quasi 300 €. Da listino il prezzo della giacca è di 529,99 €, il pantalone invece si attesta sui 429,99 €.

Immagini del prodotto

Caratteristiche del prodotto

il Neptune 2 GTX è un completo tecnico multistagione, che ne permette l’utilizzo durante tutto l’anno con il giusto intimo tecnico al di sotto.

La giacca si presenta in più colorazioni: total black, grigio/nero e nero/giallo, io ho optato per la versione grigio chiaro, per una maggiore visibilità durante la marcia; il pantalone invece è solo in nero.

La manifattura del completo è ottima: in un anno di intenso utilizzo non ho notato cuciture saltare o bottoni a pressione venire via.

La giacca in tre strati (termico, gore-tex, esterno) ha due tasche frontali che sono molto capienti (da brava ragazza ci riesco a far stare il mondo dentro), di cui una è waterproof.

Sul retro della giacca trova alloggiamento un bel tascone largo e capiente dove potrebbe trovare posto uno degli strati interni o l’incerato, anche se avere qualcosa al suo interno può risultare un po’ scomodo mentre si guida.

La giacca è molto ben areata: sono presenti due prese d’aria sul torace che sono ampie e restano aperte grazie a due bottoni a pressione che avrei preferito però essere magnetici come il modello successivo Poseidon per evitare di aver difficoltà a trovare il bottone quando si aprono le prese durante la marcia.

Sulla schiena ci sono due ampie cerniere poste in verticale che permettono l’evacuazione dell’aria che entra da davanti. Se in estate si utilizza solo lo stato esterno la ventilazione è ottima, scarseggia un po’ di più quando si utilizza anche lo strato gore-tex.

Sulla manica c’è una cerniera che si apre fino a metà avambraccio rinfrescando discretamente le braccia, anche se avrei preferito una presa anche in corrispondenza delle ascelle, per avere un miglior flusso d’aria in una zona che tende a sudare molto, soprattutto in estate.

La giacca è possibile adattarla meglio alla forma della persona e alla quantità di strati presenti nelle varie stagioni grazie a dei registri a scorrimento presenti su fianchi, braccia e avambraccio: sono veloci e intuitivi e rendono decisamente migliore la vestibilità del capo.

I pantaloni sono disponibili in nero. Hanno i tre stati come la giacca e i registri a scorrimento sui fianchi. Hanno la possibilità di essere collegati alla giacca tramite una zip per evitare fastidiosi spifferi d’aria sulla schiena. Il pantalone ha due prese frontali sulle cosce che si aprono come quelle sul torace della giacca. Lasciando lo strato impermeabile la ventilazione diminuisce anche lasciando le prese aperte, avrei preferito che ci fossero delle prese anche sul retro del pantalone per un maggior passaggio d’aria.

Il completo è dotato delle protezioni di livello 2 su gomiti, spalle, fianchi e ginocchia. Si possono adeguare alla fisicità della persona sistemandole all’interno delle tasche dedicate tramite dei velcri.

Il Neptune 2 presenta delle bande riflettenti sulle braccia, sul torace e anche il logo sulla schiena è riflettente, anche se consiglio di aggiungere il gilet alta visibilità Connector per il quale la giacca è già predisposta per una migliore visibilità notturna.

Cura e manutenzione del prodotto

Una volta finita la stagione motociclistica è bene dare una rinfrescata al nostro completo, soprattutto se avete scelto la giacca chiara come me.

Una volta separati i vari strati, bisogna rimuovere le protezioni dal completo, operazione semplice e veloce, cosi come il montaggio una volta lavato e asciugato.

Si può lavare tutto in lavatrice con un programma per delicati massimo a 30°.

Io consiglio vivamente di fare un primo lavaggio a mano per strofinare quei punti della giacca che tendono a sporcarsi di più e che sul tessuto chiaro si vedono meglio (colletto e maniche in primis): lasciate in ammollo in acqua tiepida con un detersivo per lana e poi strofinate con una spazzola per bucato con le setole morbide, posso garantire che il risultato verrà decisamente migliore.

Nel momento in cui mettete il completo in lavatrice, ricordatevi di metterlo al rovescio: eviterete così che il cestello della lavatrice rovini le parti catarifrangenti del completo. DIVIETO ASSOLUTO DI USARE AMMORBIDENTI!!

L’asciugatura del completo è preferibile farla in un luogo ventilato, meglio se all’aria aperta e non a diretto contatto con il sole.

Anche lo strato in gore-tex si può lavare in lavatrice con detersivo e programma per delicati. Se poi viene messo in asciugatrice, sempre utilizzando un programma per delicati, si ravvivano le proprietà impermeabile del tessuto.

Confronto con altri prodotti simili

Questo è il primo completo in cordura che ho acquistato e utilizzato, quindi non ho modo di fare un paragone valido.

Ho utilizzato in precedenza una giacca Rev’it in pelle con lo strato termico.

Sul breve raggio la giacca in pelle può essere più che sufficiente. Quando invece ci si appresta ad affrontare viaggi a medio-lungo raggio, le esigenze cambiano.

La giacca in pelle risulta essere molto calda in estate perché la ventilazione è praticamente assente, se non per due piccole cerniere vicino ai polsi, le tasche sono piccole e poche e la visibilità è pressoché nulla.

Io l’ho destinata ad un utilizzo quotidiano rimuovendo le protezioni su spalle e gomiti.

PRO e CONTRO di questo prodotto rispetto agli altri

  • Utilizzabile tutto l’anno con il giusto intimo tecnico
  • Strato impermeabile in gore-tex
  • Rapporto qualità\prezzo
  • Ventilazione discreta per la giacca
  • Buona protezione da freddo e pioggia
  • Tasche ampie
  • Scarsa visibilità
  • Lo stato esterno con forte pioggia si inzuppa
  • Con tutti gli strati e le protezioni risulta un po’ pesante
  • Scarsa ventilazione per il pantalone

Consigliamo questo prodotto ad altri motoviaggiatori?

Per un motoviaggiatore che utilizza la moto tutto l’anno e non vuole ambire al top di gamma, sicuramente il Rev’it Neptune 2 GTX fa al caso suo. Il rapporto qualità\prezzo è ottimo per completi in una fascia di prezzo medio-alta.

Ha degli aspetti sicuramente migliorabili come, ad esempio, la ventilazione sui pantaloni, ma il suo sporco lavoro lo fa ugualmente, sia che si percorrano strade asfaltate, sia che si decida di portare le ruote su strade sterrate. La protezione da freddo e elementi atmosferici è garantita al 100%!

Link per acquistare il prodotto

author-avatar

Relativo a Francesca Puiatti

Motociclista, infermiera, avventurosa pantofolaia… questa sono io, Francesca. Friulana classe 1991. Ho cominciato a girare in moto insieme al mio babbo quando avevo 10 anni in sella a una vecchia Yamaha XJ600 alla scoperta delle montagne e dei paesaggi più belli che la mia terra ha da offrire. Poi sono cresciuta troppo per essere solo una passeggera. Nel 2018 prendo la patente A e dopo pochi mesi scatta il colpo di fulmine con la mia V-Strom 650. Da quel momento non mi sono più fermata, ho percorso in lungo e in largo le più belle strade del mio Friuli e delle Dolomiti, condiviso le prime esperienze di viaggio in sella alle nostre due ruote con il mio papà e affrontato i miei primi viaggi in solitaria tra imprevisti e peripezie ma sempre con il sorriso sulle labbra che mi contraddistingue perché la moto per me è libertà, avventura, adattamento e un pizzico di sana pazzia. Dopo aver conosciuto Gionata e partireper.it la voglia di spingere le ruote su nuovi sentieri si fa sempre più grande e spero di far arrivare anche a voi che mi leggete la mia voglia di nuovi viaggi e nuove scoperte.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *