Borse morbide/rigide, Recensioni

Borsa serbatoio Kappa TK763

Introduzione al prodotto

Alle prime armi e senza esperienza decisi nel 2015 di acquistare una borsa da serbatoio per aumentare i litri trasportabili in moto propenso ad un viaggio di 15 giorni in Irlanda; essendo notevole l’escursione termica durante il viaggio, avrei riposto gli strati del completo al suo interno, gli antipioggia, pronti all’uso, oppure le monete per pagare gli innumerevoli pedaggi francesi.

Durante gli anni mi è tornata comoda quando andavo alle tendate in inverno, ideale per mettere al suo interno il cibo.

Nel tempo mi sono reso conto di aver acquistato un ottimo prodotto ad un prezzo tutto sommato congruo.

Esperienza d'acquisto del prodotto

Decisi di acquistare la borsa direttamente nel negozio di amici alla cifra di circa 70 Euro.

Dettagli sul montaggio o trasporto del prodotto

Montare la ghiera sotto al tappo del serbatoio non richiede particolare attenzione se non quella di chiudere con la carta il foro della benzina onde evitare che le viti cadano all’interno.

In pochi minuti l’attacco è pronto per essere utilizzato.

La borsa è fornita di una cinghia da attaccare allo sterzo della moto per sicurezza, ma personalmente non l’ho mai utilizzata; è comunque pensata bene perchè l’attacco di plastica viene protetto da un pezzo di gomma, così non si rischia di graffiare il serbatoio.

Il Tanklock è di facile ed immediato utilizzo.

Immagini del prodotto

Dettagli sul comportamento del prodotto durante l'utilizzo

La borsa viene fornita di una sacca in caso di pioggia, molto comoda, che lascia la visuale sulla parte alta per eventuali documenti o cartine da viaggio.

Le 2 tasche laterali sono comode per riporre fazzoletti o altri piccoli accessori pronti all’uso (telepass, monete ecc) e infine la zip permette di aumentare vistosamente i litri di carico; per rendere meglio l’idea posso garantire che al suo interno un casco integrale entra senza problemi.

Più volte è stata utile per salire in traghetto; una volta sceso dalla moto è bastato portarsela dietro per portafogli, battery bank, telefono, carte da gioco, salviette ecc.

Confronto con altri prodotti simili

In commercio esistono borse più specifiche per il modello richiesto, che si adattano meglio alla forma del Vostro serbatoio; questa è semplice quindi alla fine la differenza la fa il Tanklock specifico per ogni modello.

Se si volesse aumentare la comodità, probabilmente mi sentirei di consigliare solo un materiale waterproof perchè evita di dover mettere la sacca a protezione ogni volta che piove; le cerniere infatti non sono nastrate. A tutto ciò ovviamente va ricollegato che il prezzo di acquisto salirà vertiginosamente.

La cosa che più mi ha spinto all’acquisto è che non ci sono lacci sul serbatoio che potrebbero graffiare la plastica e che in un “click” posso mettere o staccare la borsa, senza doverla lasciare sempre attaccata.

PRO e CONTRO di questo prodotto rispetto agli altri

  • Prezzo
  • Facilità di installazione e attacco/stacco
  • Notevole capacità di carico con la cerniera a soffietto
  • Tasche laterali e frontale
  • Altra ghiera universale nella confezione
  • Plastica trasparente per vedere mappa, telefono, fogli
  • Cinghia a tracolla e maniglia
  • Non è waterproof
  • In estate fa circolare meno aria sul petto
  • Potrebbe interferire con la visuale del cruscotto se il soffietto è allargato

Consigliamo questo prodotto ad altri motoviaggiatori?

Se non volete lasciare la borsa fissa sulla moto consiglio vivamente l’utilizzo del Tanklock perchè in un istante potrete mettere e togliere la borsa anche solo per fare rifornimento.

La flangia universale trovata nella confezione mi ha dato la possibilità di usarla anche su un’altra moto.

Io l’ho usata spesso per un giro fuori porta per mettere l’antipioggia, documenti, salviette, fazzoletti ecc senza dover portare zaini, montare valigie ecc ma il punto forza è per salire sui traghetti così da portarsi dietro il minimo indispensabile per la traversata.

Link per acquistare il prodotto

author-avatar

Relativo a Valentino Il Vale

Ciao, sono Valentino "Il Vale", classe 1985.. più che di una passione parlerei di una malattia (nel senso buono eh).. se non vado in moto sto male,divento nervoso, mi sento soffocare; è lei che mi chiama, è l’amore per la strada e poco importa quale sarà la prossima meta. Lo percepisco già nel momento in cui mi preparo per scendere in garage, o prima della partenza. Poco importa se in solitaria o in compagnia della fidanzata/amici, in tenda o in una camera prenotata all'ultimo, strada oppure off, con le valigie laterali o una sacca stagna… non fa alcuna differenza, basta salire in sella e andare, indipendentemente dalla stagione. Sogno di "PartirePer"… alla mia maniera, senza sponsor, tecnologie, obblighi o doveri, nel modo più semplice possibile.. io e la moto, per passione. Spero di poterti essere d'aiuto con pareri, impressioni, foto e aspettative deluse o confermate. Hai fatto il pieno? Si parte… verso l’infinito e oltre.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *