Borse morbide/rigide, Recensioni

Borsa morbida Amphibious Voyager (60L)

Introduzione al prodotto

Periodo di utilizzo: Da Maggio 2020 ad ora su strade asfaltate, sterrate, anche mulattiere per un totale di circa 4000 Km.

Ho acquistato la borsa direttamente dal sito del produttore (brand italiano), usufruendo di sconti durante il lockdown di inizio 2020 per un totale di circa 65 Euro.

Esperienza d'acquisto del prodotto

La mia necessità di sostituire le valigie vario originali con un prodotto come le sacche stagne si è presentata quando le tracce da percorrere e/o le location delle tendate implicavano l’utilizzo della moto in off, ragione per cui i telai delle valigie stesse non erano resistenti a sufficienza.

In origine mi ero orientato su una borsa della Givi da 50 lt, ma fatta la prima esperienza di 4 giorni fuori casa ho capito subito che non era della capienza adatta alle mie esigenze, ovvero vestiario (poco, viaggio sempre con il minimo indispensabile) e materiale da campeggio. Venduta questa ad un amico, in pieno lockdown di marzo- Aprile 2020, ho studiato attentamente cosa offrisse il mercato, saturo ormai di questi accessori che ritengo immancabili; scrivo “studiato” perchè volevo più Lt ma anche un ingombro che non desse fastidio durante la marcia. Inizialmente è stata decisiva la fiera milanese di Eicma 2019, dove ho potuto toccare con mano lo spessore dei materiali utilizzati, circa il doppio rispetto a produttori cinesi: questo aspetto è il più importante da prendere in considerazione per un’eventuale caduta, per il trasporto sulla moto, per la resistenza agli agenti atmosferici.

Immagini del prodotto

Dettagli sul montaggio o trasporto del prodotto

Fortunatamente a distanza di mesi e km trascorsi posso ritenermi pienamente soddisfatto dell’acquisto. La tasca esterna si è rivelata essere più fondamentale del previsto (pensa a dover mettere via qualcosa all’ultimo che ti sei dimenticato, oppure la prenotazione di un traghetto o l’ingresso ad un evento), dato che la lampo non interferisce con le cinghie usate. Gli innumerevoli occhielli esterni sia di tessuto che di plastica permettono di poter agganciare borse più piccole, borracce o per esempio un sacco dello sporco quando vieni via da un bivacco.

Nonostante il fango, alcune cadute e pioggia torrenziale, le cose trasportate non hanno mai visto acqua o polvere.

Volendo si possono acquistare in aggiunta gli spallacci per farla diventare uno zaino.

I materiali catarifrangenti (sui lati più corti e sulla scritta del marchio) aumentano la visibilità notturna.

Dettagli sul comportamento del prodotto durante l'utilizzo

Per comodità personale ho sempre tolto la sella del passeggero così da avere uno spazio dedicato per la borsa fra la mia sella e la piastra del bauletto. Se inizialmente usavo una corda a cricchetto per legarla alla moto (cinghia che ho sempre portato perchè fa comodo per mille usi), da quando sul mercato sono uscite le Rok straps, mi sono affidato a loro e difficilmente tornerò indietro.

Confronto con altri prodotti simili

Essendo il mercato già ricco di prodotti simili e soprattutto i prezzi allineati (ogni lt di capacità costa 1 Euro), ben pochi offrono qualcosa che faccia realmente la differenza, come nel caso di Enduristan con il Tornado 2 che ha al suo interno un rivestimento rosso, ideale per trovare gli oggetti riposti.

A livello di percezione tattile dei materiali usati, probabilmente il primo posto va proprio a questo marchio (Enduristan), trattandosi non di gomma liscia ma lavorata; però come scritto in precedenza, essendo un articolo che offre solo la scelta tra 20, 32, 51 e 82 lt, e non avendo una tasca esterna, ho preferito Amphibious proprio per le caratteristiche sopra citate.

Givi è qualitativamente simile con la sua EA119BK, ma i suoi 50 lt e l’assenza della tasca esterna me l’hanno fatta vendere quanto prima, anche se è l’unica provata ad avere in dotazione dei comodissimi elastici per poter essere fermata.

Altra borsa valutata attentamente è stata la SW-Motech DRYBAG 600, ma i suoi 70 cm di larghezza in primis (la Voyager che utilizzo è larga 57 cm) e l’assenza della tasca esterna, mi hanno fatto capire che non rientrava nei miei parametri.

PRO e CONTRO di questo prodotto rispetto agli altri

  • Misure di ingombro contenute
  • Tasca esterna waterproof
  • Fibbie e anelli di plastica (D-ring)
  • Tasca esterna a rete
  • Maniglie esterne in cordura con chiusura a velcro
  • Cinghia a tracolla imbottita, regolabile e rimovibile
  • Pochi inserti riflettenti
  • Mancanza di cinghie in dotazione
  • Tasca interna mancante
  • Tasca esterna di dubbia resistenza

Consigliamo questo prodotto ad altri motoviaggiatori?

Sicuramente sì, poco importa se utilizzerai tutta la sua capacità di contenimento o meno, le sue misure di ingombro sono molto vicine ad una da 50 lt ma un po’ di spazio in più alla necessità non guasta mai.

Al suo interno ho tranquillamente inserito il cambio per 4 giorni e l’attrezzatura da campeggio con tanto di sgabello pieghevole.

E’ disponibile anche il modello 2021 che apporta migliorie alla tasca esterna (removibile, che diventa un comodo zaino), velcri interni, maggior riflettenza e tasca esterna a rete maggiorata.

Link per acquistare il prodotto

Galleria fotografia del prodotto

author-avatar

Relativo a Valentino Il Vale

Ciao, sono Valentino "Il Vale", classe 1985.. più che di una passione parlerei di una malattia (nel senso buono eh).. se non vado in moto sto male,divento nervoso, mi sento soffocare; è lei che mi chiama, è l’amore per la strada e poco importa quale sarà la prossima meta. Lo percepisco già nel momento in cui mi preparo per scendere in garage, o prima della partenza. Poco importa se in solitaria o in compagnia della fidanzata/amici, in tenda o in una camera prenotata all'ultimo, strada oppure off, con le valigie laterali o una sacca stagna… non fa alcuna differenza, basta salire in sella e andare, indipendentemente dalla stagione. Sogno di "PartirePer"… alla mia maniera, senza sponsor, tecnologie, obblighi o doveri, nel modo più semplice possibile.. io e la moto, per passione. Spero di poterti essere d'aiuto con pareri, impressioni, foto e aspettative deluse o confermate. Hai fatto il pieno? Si parte… verso l’infinito e oltre.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.