Gionata in viaggio, TAPPA 3: Australia

16 Settembre 2007

gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports

australia1730

Me ne hanno dette di tutti i colori su questa strada che arriva a Cape York. Mi sveglio presto ma i negozio sono chiusi. Mentre aspetto il gestore della pompa di benzina mi dice che il camion che porta le scorte ogni sabato si é guastato e così sono tutti svegli di buon’ora a scaricare le scorte. Faccio il pieno e mangio biscotti menter un gruppetto di aborigeni mi guarda. Mi chiedono della moto e ne approfitto per offrire qualche biscotto ai bambini. Mi ringraziano, ma poi sembra che mi prendano in giro nella lingua aborigena.

Mi incammino su per quelle che sembra essere laaustralia1735  parte peggiore di tutto il viaggio, ma con la velocità giusta e un po’ di fortuna, proseguo oltre i 100 Km/h senza molti problemi.

Arrivo a Bramewell per l’ra di pranzo. Da qui inizia la famosa Old Telegraph, che taglia di neto la via che risale fino a Cape York. Durante la sosta, incontro 3 diersi gruppi di motociclisti. Luke, Nigel, Dylan.

gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports

Viaggiano con 3 enduro e si fanno 2 grasse risate con me che racconto come sono finito lì e come australia1738scelgo la strada da seguire. Seguendo il gruppo di due motociclisti su Suzuki gialle che mi ero lasciato alle spalle lungo il tratto.

Sono di Melbourne e molto attenti a quello che dico. Si sono conosciuti lungo il tragitto e adesso viaggiano assieme come due fratelli. O come due coniugi.

Vorrei far capire loro che non ho problemi con i gay, ma il discorso verte su di me sulle domande che pongo.

Bryan and Callun. Il primo si é licenziato per andarsi a girare l’Australia in lungo e largo in un anno, l’altro non pre bocca per cui ci salutiamo e tanti saluti.australia1742

Mentre ordino 3 sandwich di scorta da portarmi dietro durante i chilometri a seguire, dico bouna fortuna ai due “coniugi” e mi presento ad una coppia inglese. Lui mi fa piegare e lei é la classica donna energica buona di cuore che in un  guazzo di ipotesi eidealizzazioni, finisco per guardare con occhi interessati.

gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports

Partiamo allo stesso momento, con un mio spavaldo “Let’s Ride!!!!!!!” Io mi pianto subito nella sabbia e quando sono lì lì per tornare indietro il sentiero australia1750migliora.

Continuo fino ad un guado c
he attraverso,  immergendomi fino al parabrezza sotto all’acqua nera.

Motore fermo. Scopro che ho il filtro aria così bagnato che la moto non va, così decido di aspettare, in compagnia di tutti i passanti che guidano sullo stesso mio sentiero. Gli inglesi se ne vanno ed io mi metto in moto dopo 40 minuti senza filtro aria che lego sulla borsa.australia1753

Una tratta fenomenale.

A volte lenta, ma così intensa e piena di colori e  forme da mettermi il buon umore. Colpisco con la borsa Famsa sinistra un termitaio piccolo.

E’ duro come un piolo di cemento per cui rompo la borsa e mi ferisco alla tibia.

gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports

Mi maledico per tutto, ma 5 km di sentiero in mezza alla foresta australiana mi fanno dimenticare il dolore australia1761e la borsa rotta.

Finisco la mia corsa in prossimità di una fiume, dove la coppia di inglesi e 3 famiglie con 4WD, campeggiano per la notte.

Mi lavo nel fiume, beco e monto la tenda.

I bambini mi circondano, ma i genitori non mi conoscono per cui insistono nell’obbligare i bambini a starmi lontano. Vinco io. I bambini disubbidiscono e rimangono a giocare con me!

Con domande e scherzetti, faccio tutte le mi coseaustralia1762 circondato da questa ciurma che mi invita a cena. Finisco la serata giocando con i bimbi a duck duck goose ed a musical chair, per poi finire a discutere con un dei padri di frutta e custard.

Do la buona notte e mi ritiro in tenda per scrivere il mio diario.

 australia1764

gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports

 

gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports

 

gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports

 

gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports
gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports
gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports
gionata-nencini-partireper-ride-true-adv-adventures-exmo-tours-honda-transalp-africa-twin-adventure-sports
author-avatar

Relativo a Gionata Nencini

Mi chiamo Gionata Nencini, toscano classe 1983 e viaggiare in moto è la mia più grande passione. Nel 2005, a 21 anni, parto per il giro del mondo con in tasca solo 2.200 euro e oggi ho uno storico di 500.000 km percorsi in solitaria attraverso 77 paesi. PARTIREper è il blog che racconta le mie esperienze e quelle della mia community.

Torna all'elenco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *