Il viaggio FINISCE qui. Torno a casa.

Mi spiace dirlo così, senza guardare nessuno negli occhi.
Senza dare le dovute spiegazioni e dire a tutti che mi dispiace…
Senza condividere con i più affezionati, la mia delusione e quell’amarezza che fa piangere.

 

Ho 26 anni, ma destarsi dal sogno di una vita, fa piangere anche un adulto come me.

Perché non volevo ancora svegliarmi da questo sogno…

Un sogno durato 5 anni, 200000 km e 1587 giorni di Avventura nel Mondo.

Un sogno rovinato da uno sciocco incidente in moto.

Il Viaggio FINISCE QUI! Torno a casa…

[nggallery id=134]

 

Spiegherò a voce questa mia decisione, sabato 20 Marzo, in collegamento dal Cile presso il Meeting Moto Avventura di Serra de Conti.

Posterò ulteriori chiarimenti, per i non presenti al Meeting, la prossima settimana.

Scusate.

 

Felpa Uomo Partireper Felpa Donna Partireper Felpa Bambino Partireper Maglietta Uomo Partireper Maglietta Donna Partireper Ricambi Usati Honda Transalp Image Map

Commenti

GABRIELE scrive:

E che problema c’è? Torna, riorganizza le idee e riparti. I problemi gravi sono altri.

Gabriele

Gionata Nencini scrive:

http://www.partireper.it/progetto-motato/

GABRIELE scrive:

bravo.. nella vita si cade tante volte, l’importante è sapersi rialzare sempre.

Daniele e Marzia scrive:

Ciao grande….
non so se ti ricordi di noi…ci siamo conosciuti questa estate in Bolivia ( Rurre…), ricordi? “Di chi è quella moto con la bandiera dell’italia lì fuori?”…Abbiamo seguito in questi mesi i tuoi movimenti sul tuo sito ricordandoci di quell’incontro così particolare…sei molto giovane, ma nelle tue parole, ho trovato una saggezza, una maturità ed un coraggio che, devo ammetterlo, non ho potuto fare a meno di invidiare…. Solo oggi, 8 aprile, scopro della tua decisione di rinunciare; hai i tuoi motivi più che visibili…è forse proprio in questi momenti, quando si rischia di brutto, che ci si interroga sul significato delle cose, delle proprie scelte…la tua decisione è giusta. Non solo non mi ha deluso, ma mi ha permesso di vederti in una veste più “umana”…non ti nascondo che, per un attimo, avevo pensato di creare una religione sulla tua persona!…scherzi a parte, non amo scrivere, soprattutto alle persone, per te ho voluto fare una eccezione perchè penso che in questo momento ti potrebbe far piacere sentire la vicinanza sincera di chi ti ha conosciuto anche solo per poche ore…onore a te, amico mio. Daniele
A volte bisogna tornare per poter poi ripartire!!! Un abbraccio grande anche da me (Marzia)

Marco scrive:

Porka vacca ke notizia: la leggo solo ora!
Un colpo al cuore; una fitta nell’anima, ma comunque sempre il grande rispetto per “avermi cambiato la vita!” – si sono sempre quello là ih ih!!!
Qualunque sarà la tua scelta, non cambierà la grande impresa che hai compiuto!
N.B.
ho letto del programma motato di dicembre, ma nn ho capito bene in ke consiste.
Un carissimo saluto. Marco

teowonder scrive:

bhe cmq ne hai passate di avventure e statisticamente hai passato 4 su 5 continenti

Francesco F scrive:

mi spiace che ritorni e che ti sei fatto male…

Andrea M. scrive:

Ho sognato di essere in viaggio al tuo posto, ora sono affranto e preoccupato, spero tu stia bene…….

pier giorgio Tambalo scrive:

Ciao Gionata é da un po di tempo che ti seguo e solo oggi ho saputo della tua decisione ,mi dispiace molto,sei giovane e forte devi continuare.Ciao Giorgio.

Eliana scrive:

Ma certo che ti scusiamo!Sei un Uomo.
Un abbraccio, lo stesso che tu ci hai dato tante volte :-)

Eliana

sorellona Ele scrive:

ma nessuno di voi si è accorto che la foto è quella dell’incidente di settembre in Bolivia??
io sono sua sorella, ma anche x noi la faccenda rimane misteriosa…vedremo!

Lucio Mariano scrive:

Credo che gli affezionati di Gionata abbiano sicuramente riconosciuto la foto dell’incidente di settembre, più che altro credo che i più abbiano attribuito la rinuncia al viaggio per conseguenze dovute a quell’incidente e quindi è lecito esser preoccupati.
Personalmente spero che abbia solo spedito la moto in Italia a Motato per sistemarla e farla ritornare quella che era un tempo.
Gionata aveva previsto di fermarsi e lavorare, la moto non gli serve e ripararla era cosa più grande di lui, chi quindi meglio di Max e i ragazzi di Motato può farlo?
Non so, è un’ ipotesi che ho scritto nella mia testa.
Poi Gionata con o senza moto è quel che è, incredibile avventuriero e viaggiatore con due p@ll& così!

Steno Ulivi scrive:

Non avevo mai provato a scrivere su questo blog.
Non amo condividere le mie emozioni e i miei sentimenti con sconosciuti solo perché legati dalla stessa passione. Viaggi e Moto.
Vivevo a Sesto F.no nel 2001 e quindi la voce di un “Mitico Viaggiatore” mi era giunta presto alle orecchie e subito mi ero messo alla ricerca di chi fosse questo essere quasi mitologico in grado di realizzare i propri sogni in qualsiasi momento e modo.
Ti seguivo in silenzio godendo dei tuoi successi e soffrendo delle tue cadute e disavventure. Sul tuo blog, su FB, leggendo IN MOTO ti seguivo passo passo e sognavo il giorno in cui ci saremmo incontrati per caso in viaggio. Ma la vita spesso strana e complicata, aggiungendo anche un po di paura, non mi ha mai permesso di seguirti.
Ora leggendo che non proseguirai il tuo viaggio rimango stordito e incredulo. Sono in trepidante attesa di sapere le motivazioni che sono sicuro saranno saranno irremovibili.
Un salutone Gio dalla tua Toscana. Un saluto da una persona che hai guidato nei propri sogni….

Alberto scrive:

Sometimes in order to continue you have to discontinue.

So che sei forte Gionata, di corpo e di spirito…
Sempre “Buon Viaggio”, qualunque sia la tua scelta.

Tu mando un forte abbraccio, prego per te e spero davvero un giorno di poterti rivedere!
Ti sono vicino,

Albe

jorge scrive:

Dopo questi anni a leggere la tua avventura pubblicta su rivista e poi sul sito, mi sono appassionato e non perdevo una puntata.l’invidia di un qualcosa che avrei voluto fare ma sò che non avrei mai fatto (almeno ora è tardi, ho responsabilità alle quali non si sfugge con l’età), e l’immedesimarmi e immaginarmi nei tuoi panni era sempre divertente.
Mi dispiace di cuore e spero che tu stia bene (la moto vedo che è qualcosa da appendere al muro, tipo trofei di caccia da raccontare ai nipoti)….

Luigi scrive:

Mmmm….tu non sei un tipo dalla resa facile….
no no no
E non è neanche il primo incidente che fai, quindi non credo sia un valido motivo per fermare “IL NOSTRO” viaggio (anche se le reali motivazioni le sapremo solo domenica).

Di sicuro stai bene, nonostante i piccoli graffiettini appena sopra i 2300 punti di sutura. :P

Confessa…..torni a casa, cambi moto e poi riparti!! Vero? VERO?????

Scherzi a parte, qualsiasi siano le tue motivazioni, giuste o sbagliate, condivisibili o non, ti diciamo GRAZIE. Grazie per averci portato con te in questo magnifico viaggio. Per averci fatto scoprire luoghi meravigliosi e popoli affascinanti.
Grazie per averci fatto sognare.

Luigi (PI)

robir8 scrive:

Gionata, spero sia uno scherzo e se è così tutti quelli che hanno scritto un commento verranno a trovarti ovunque tu sia per conciarti come in foto…:-) Dai ci siamo cascati, ma ora dicci la verità.. Ci hai preso per il culo???

Walter scrive:

Noooo! Mi piange il cuore. Ti direi non mollare, ma se sei arrivato a questa decisione è perchè ci hai ragionato a lungo.

Ma sei giovane come l’acqua e non si può smettere di essere viaggiatore. Non si può negare il proprio essere, percui presto o tardi, in un modo o nell’altro, RIPARTIRAI. E visto che palle ne hai in abbondanza credo che la ripartenza avverrà molto presto :-)

e.p. scrive:

Adoro il Transalp del 1987!!!

Portala a casa, curala, rimettila in piedi.

:-))

paolett scrive:

Ho guardato meglio le foto. Ora ho capito, il post riguarda la moto! E’ lei che torna a casa! Magari ne giungerà una nuova o continuerà diversamente il suo viaggio.

roberto scrive:

scusa ma dopo 80 interventi penso che avrebbe detto che era la moto…
lo spero per lui perche sarebbe veramente di cattivo gusto.
anche se preferisco questa idea…ora vedremo…ciao

paolett scrive:

ciao Gionata, stento a crederci. Ma come stai? La foto postata è dell’altro incidente vero? Che ti è successo? Non lasciarci così, senza nulla. Ti seguiamo e ti vogliamo bene, tutti.

Bandw scrive:

Io non ci credo anche perché sulle foto della spedizione a Motato, la data è quella del 15/02/2010
Spero vivamente di non sbagliarmi e che il tuo progetto possa essere concluso come da te sempre prospettato.
…………….. o forse vuoi tenerci sulle spine fino al 20, data del meeting?

marta m. scrive:

jodi cazzo stai bene?

Mirko scrive:

Ciao Gionata, ho letto la notifica su fb e sono corso qui cercando di capirci qualcosa in +.. aspetterò la prossima settimana come gli altri, ma voglio dirti che ti sono accanto per la tua decisione, e se ti senti di piangere fallo.
Un abbraccio

M.

bernardo scrive:

Gionata , ok torna a casa, riposati, raccogli le idee, qualche sponsor e poi riparti se ti va, un viaggio che non finisce mai non ha neanche senso. ti aspettiamo bernardo

Giovanni G. scrive:

Gionata, questo per me e per tutti quelli che ti seguono fin dai primi km è una bruttissima notizia…tu in qualche modo hai reso partecipi tutti noi sognatori…ed ora sapere che questo immenso viaggio sta per concludersi, sicuramente per forza maggiore, ci rende tutti addolorati… il viaggio è fatto da una partenza e da un arrivo…

buon viaggio grande sognatore!!! e grazie!!!

nordnicco scrive:

notevole la poesia di Kavafis, quando con parole semplici si riesce a costruire un pensiero complesso.
Qualunque siano state le tue motivazioni Gionata, e spero sinceramente non siano di salute, io credo che tu abbia intrapeso un viaggio( non solo banalmente fisicamente ma soprattutto spiritualmente) sulla strada verso la comprensione di quella che Kavafis ha chiamato Itaca, e che tu possa aver indubbiamente accresciuto la percezione di quello che i filosofi chiamerebbero il senso della domanda; avevi un sogno, fare il giro del mondo in sella alla tua Transalp, ci hai provato ma non l’hai completato, ma come dici spesso nei tuoi post è il cammino che conta e tu hai camminato e hai vissuto, nel suo vero senso della parola vivere ( esplorare però questo termine trascende probabilmente da darne un chiaro significato, e non mi arrogo certo un simil tipo di privilegio, ma a volte possiamo averne una percezione per quanto soltanto fuligginosa).
Tu avevi/hai un pensiero/un’intuizione del percorso da dare alla tua vita, e non l’hai provato a nascondere in un angolo della tua mente, ma ci hai provato, davvero, con tutte le tue forze , a donarti/costruirti quel futuro.Quasta, a mio modo di vedere, è la cosa migliore che un uomo possa auspicare prima di pensare e poi di (tentare) rendere reale.
Questo è quello che penso io, ma posso sbagliarmi perchè appunto è soltanto quello che penso io.

Giò scrive:

Dai Gionata, ci sta….
Ci sta che tu voglia cambiare e ci sta anche che tu un giorno, magari, voglia tornare…sui tuoi passi. Ed io già so che dopo quello che hai fatto, e che silenziosamente ho seguito per anni, e che a modo mio sto facendo anche io…so che tutto questo tornerà a galla…e si farà sentire nella forma che vorrai…Seguirai i suoni cos’ come li stai seguendo adesso. Ci vuole coraggio a fare una scelta simile…e io stimo questo tuo coraggio senza emetter giudizio…
Grazie perchè mi hai dato tanto.
Fai quello che senti.

Stefano Cappella scrive:

E’ dal 2006 che non ci sentiamo,
ma è dal 2006, dal giorno che ti ho conosciuto a Dalian, che seguo le tue avventure.
Ti sono sempre stato vicino col pensiero, portandoti come esempio di libertà.
Conoscerti mi ha cambiato il modo di vedere le cose,
e ora che leggo questa notizia sono turbato, ma non preoccupato, proprio perchè ti ho conosciuto e so di che pasta sei fatto.

La vita stessa è il nostro viaggio più emozionante…

Ti sono vicino amico.

Ste

Eve scrive:

Forse finisce qui questa avventura, ma il ritorno è sempre una nuova partenza. Hai fatto tanto.
Spero di incontrarti e di sentire dalla tua voce i racconti, ci vediamo a Prato, spero.
Forse il tuo progetto è solo rimandato. ù
Non ti abbattere.

Caminante, son tus huellas
el camino, y nada más;
caminante, no hay camino,
se hace camino al andar.
Al andar se hace camino,
y al volver la vista atrás
se ve la senda que nunca
se ha de volver a pisar.
Caminante, no hay camino,
sino estelas en la mar

***

Tu che sei in viaggio,
sono le tue orme la strada,
nient’altro;

Tu che sei in viaggio,
non sei su una strada,
la strada la fai tu andando.

Mentre vai si fa la strada
e girandoti indietro
vedrai il sentiero che mai
più calpesterai.

Tu che sei in viaggio,
non hai una strada,
ma solo scie nel mare.

Ciao

bernardo scrive:

eve che bella questa poesia! sai dirmi chi è l autore? grazie bernardo

Riccardo CT scrive:

Ciao Beddu…
Ho letto… ho letto anche i post.. tornare fa parte del viaggio… Hai mai letto la poesia di Kostantinos Kavafis ITACA te la cito:
Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni o i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere:
non sara’ questo il genere di incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi o Lestrigoni no certo,
ne’ nell’irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l’anima non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga,
che i mattini d’estate siano tanti
quando nei porti – finalmente e con che gioia –
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre,
tutta merce fina, e anche profumi
penetranti d’ogni sorta, piu’ profumi
inebrianti che puoi,
va in molte citta’ egizie
impara una quantita’ di cose dai dotti.

Sempre devi avere in mente Itaca –
Raggiungerla sia il tuo pensiero costante.
Soprattutto, pero’, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull’isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos’altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avra’ deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
gia’ tu avrai capito cio’ che Itaca vuole significare.
la tua Itaca ti aspetta.

Diciamo che la tua Itaca è sempre stata il viaggio e la conoscenza… a cui in teoria non vi è mai fine… però forse i Lestrigoni i Ciclopi e Nettuno adesso sono dentro di te… e scacciarli non è facile… Non sei un perdente e avrai cura del tesoro/bagaglio di esperienze che ti sei fatto in tutti questi anno come fosse un figlio.
Hai già preso davvero tutta la forza che ti è rimasta per tornare a casa o ancora c’è ne è un pò per continuare?
Boa Sorte… qualunque cosa tu faccia
con affetto
Riccardo

Ciao Gionata,
mi dispiace tanto per la notizia, però rimani comunque un grandissimo viaggiatore e soprattutto Uomo che può sentirsi appagato da tutte le cose che ha fatto.

E poi il mondo resta lì.. Quando vorrai sicuramente ti accoglierà sulle sue strade per ricominciare il viaggio da dove lo hai interrotto..

Con tanta stima

Alberto Allegrini

misterdave scrive:

Ciao Gionata,
è qualche anno che ti seguo, ci siamo sentiti diverso tempo fa poi i nostri contatti si sono persi. Ma non ho smesso di farmi affascinare dalle tue avventure.
Immagino quanto di complesso e doloroso ti si rimescoli dentro da spingerti a fare una scelta tale.
Mi spiace x te e x me, x noi che ti abbiamo seguito.
Buona fortuna e buon viaggio.
Un abbraccio.

Roberto Brodesco scrive:

Mi spiace moltissimo Gionata. Ma hai la comprensione di tutti noi e non devi nessuna giustificazione !
Citando un famoso libro del mitico Tiziano Terzani posso dirti….
LA FINE E’ IL MIO INIZIO !!!!!
Fai buon uso dell’immensa esperienza accumulata in questa MERAVIGLIOSA AVVENTURA !!!
Un sincero abbraccio !
La vita è bella :)))

Buti Paolo scrive:

Ciao Gionata, non mi sarei mai aspettato questa tua decisione. Non penso, comunque, che sia dovuto a quell’unico incidente peraltro avuto in 182000 km effettuati e 5 anni di viaggio. Io sono motociclista fin da bimbo, non ho fatto certo quello che tu hai fatto, e ti posso assicurare che son caduto molte volte anche con conseguenze abbastanza gravi e dolorose. Una due sabati fà trovando un lastrone di ghiaccio in montagna. Mi son rotto una costola…………..oggi sono gia in moto. RICORDA: GRANDE NON E’ CHI NON CADE MAI MA CHI SI RIARZA SUBITO E RIPARTE IMMADIATAMENTE. Questo per me vale in ogni altra occasione e problema della vità. Spero comunque che non ci siano motivazioni ancor più gravi e che interferiscano con la tua salute. Un saluto

Luca scrive:

Sono con te, qualsiasi sia la tua decisione ti appoggio …anche se ci sono rimasto leggendo l’articolo. Tu sai cosa e meglio e, comunque, hai dato prova che tutti i limiti possono essere superati!

Aldo scrive:

Mio caro Gionata,
avrò modo di scriverti a lungo e magari di incontrarti al tuo ritorno.
Se un brusco imprevisto ha rovinato il tuo progetto iniziale, non farti buttare giu’.

Hai edificato case per bambini, conquistato cuori, fatto ogni genere di lavoro, letteralmente superato te stesso. Hai fatto tante di quelle cose che non erano nel progetto iniziale da non dovertene piu’ preoccupare piu’ di tanto.
Qui nessuno sarà deluso, leggiamo le tue avventure a bocca aperta e questa del ritorno sarà una di queste, che ci fanno sognare e chiedere: “e ora?”.

Perché tutti sappiamo che questa non è affatto la fine di Gionata Nencini il viaggiatore, anzi, semmai l’inizio.
E’ un momento necessario in questo tragitto. Finché ci sei dentro, non puoi vederlo, è come stare dentro una foresta. Il viaggio non deve essere una droga, ma un dolce nettare di cui ti inebrierai chissà quanto ancora nella vita.
Non dimenticare mai il viaggio più importante, quello che avviene dentro di te. Quello, ti sarai accorto, non si ferma mai, non si fermerà mai, è la tua crescita personale, il tuo tendere a diventare e creare sempre qualcosa di nuovo – e anche di utile, perché sei una persona generosa.

Ti mando un caro abbraccio aspettando di saperne di più, ma ti dico che per me questo tuo viaggio – QUELLO VERO – ha rappresentato un grande cambiamento nella vita, lo sai bene, ed è altrettanto importante ora più che mai – che tu torni tra noi viaggiatori immobili o meno.

un viaggiatore

e.p. scrive:

In ogni caso, SEI UN GRANDE.

Lucio Mariano scrive:

Se hai abbandonato il tuo viaggio hai i tuoi buoni motivi e ciò non pregiudica la stima che ho nei tuoi confronti.
L’hai sempre detto che avresti potuto interrompere il viaggio per motivi di salute e/o problemi più grandi di te.
Spero solo non ci sia da preoccuparsi e che te la cavi come hai sempre fatto, perchè a questo mondo ci vogliono le p@ll& quadrate, TU CE L’HAI CUBICHE!
Grazie per quello che mi hai fatto provare, per avermi fatto conoscere il mondo da un altro punto di vista, per avermi insegnato a dare più valore a quello che abbiamo.
Un abbraccione.

freez267 scrive:

Gionata, ti mando una parola di affetto anche io dopo tutti questi anni che ti seguo.
Ti siamo sempre tutti vicini

giovomal scrive:

spero sia un pesce di aprile in anticipo….comunque qualsiasi decisione tu prenda sono sicuro che ti porterà solo buone cose gionata!lasci una strada per trovarne un altra, è sempre così!un abbraccio e buona fortuna!

Lorenzo205 scrive:

perchè un viaggio possa definirsi tale il ritorno è inevitabile. Diversamente saresti un nomade, ma quella è storia diversa. Mi auguro solo sia una scelta tua e non imposta dagli eventi o, peggio, da altri. Buona strada, qualunque essa sia.

Fabrizio scrive:

….. ho capito che riprendi in bici, ma per favore riparti da lì, rifare tutto con la bici è un po’ troppo lunga…..
magari con marco organizziamo una spedizione dalla Cina, lì le bici costano pochissimo e si trovano anche usate……
seppoi non ti va……vediamo cosa fare, la fantasia non ci manca……
Un abbraccio.
Fabrizio Tondelli

Betty scrive:

Io ancora non ci credo.

Una vecchia amica.

giuseppe scrive:

Ciao Giona, all’inizio quando ho letto l’email pensavo fosse tutto uno scherzo!!!
Non ci posso credere che tu stia per tornare.
Resta il fatto che per me rimani uno dei più grandi viaggiatori di questo nuovo millennio, ci hai fatto sognare con le tue avventure in sella ad una moto è sono sicuro che un giorno tornerai a farlo.
Un lampeggio e spero tu stia bene.

jonnym78 scrive:

mi viene da piangere, non te lo meriti, non doveva finire cosi.

claudia scrive:

un abbraccio fa bene durante qualsiasi viaggio, che sia dia andata o di ritorno, poco importa, ed io te lo mando con tutto l’amore che ho per te e per quell’animo splendido che hai.

si viaggia nel mondo e dentro se stessi, tu hai imparato a farlo giovanissimo, con gioia, ironia, rabbia e con tutti i sentimenti che hai vissuto e continui a vivere.
per questo non smetterai di farlo ora nè credo mai nell’arco della tua vita.

ti auguro il meglio e resto in attesa di tue news, quando avrai voglia di darne. un bacio, cla

Miriam scrive:

mi domando ” [e un altro dei suoi scherzi da toscano_”
unica cosa spero tu stia bene inrealt[a poi tuto il resto ..tutto ..tutto il resto ..ma tutto .. nonha valore
io non ho mai visto nella meta il risultato, non ti homai valutatoper quello che stavi facendo muovendoti da un luogo all[altroo
ma per quello che cambiava dentro di te e per la tua crescita personale che vedevosempre in ascesa

la tua decisione non ha bisogno di un perch[e per me
la tua decisione [e la tua ..io .. ti stimo uguale

carlo scrive:

gionata ti stimo per quello che hai fatto e per me rimani un grande!
oggi anche io sono triste per quello che hai annunciato, ma la vita continua e giustamente..se è questo che va fatto..allora fallo..

un bacio
carlo

castoro21 scrive:

hai affrontato tantissime prove e le hai superate, facciamo che anche questa è una prova che ti è stata messa davanti e che tu saprai ancora brillantemente superare, e non hai motivo di sentirti in colpa e di chiedere scusa, non ce ne bisogno, ce un tempo per ogni cosa, questo è il tempo che tu ritorni, è così e basta senza andare alla ricerca di ogni perchè e per come.
Ti faccio un grande augurio di rimetterti in salute il più presto possibile, e quando starai meglio di sicuro vedrai le cose sotto un altro aspetto.
Un abbraccio e con tutto il mio cuore, buona strada a Te Gionata qualunque essa sia…

ilario scrive:

no, ma ti rendi conto del polverone di gente che ti sta vicino?!? forse perchè sei uno che merita, che vali. quindi come ti ha già detto Lorenzo, pensaci bene e non ti far prendere dallo sconforto!!!! puttana eva te sei nato per stare su quella sella!
e se sei davvero convinto di sospendere la cosa, va bene, vaffanculo tutto, sei stato, sei e rimarrai un grandissimo per noi!ma pensaci
in ogni caso, questa è vita

daniela scrive:

Gli imprevisti fanno parte dei viaggi autentici. Non credo che ti devi demoralizzare, pensa alla tua salute e ai tuoi cari e a noi e riposa. Direi che a questo punto ci devi dire i dati del volo cosi saremo ad aspettarti all’aeroporto. Dopo esserti ripreso aspettiamo un incontro in cui con bel proiettore ci racconterai a voce tutte le storie dietro ad ogni foto che hai scattato.
Un abbraccione !

Nicola scrive:

no..Gionata..hai avuto un coraggio ad intraprendere un viaggio così..con pochissima esperienza di moto e di viaggi estremi…hai avuto un fegato…enorme ad affrontare..il tutto per tanti chilometri e pericoli…magari un giorno spero vicino riavvierai la tua Transalp…e ricomincierai..a macinare chilometri..senza un ritorno non gradito…

gùaz scrive:

…non ci chiedere scusa, siamo noi che dobbiamo ringraziare te per averci portato in giro per metà mondo con il tuo blog, bentornato a casa.
Non dimenticare però che il mondo è là fuori che ti aspetta.

Uly scrive:

L’accavallarsi dei problemi di questi ultimi tempi evidentemente è stato duro. Nessun viaggio si intraprende se non si è disposto a imparare dei passi che hai fato e quelli che farai.

So molto bene nel cuore che questa può essere solo una pausa per questo viaggio mentre la tua esperienza di viandate vagabongo del mondo non finirà.., neanche se sono altri i posti o se sono altri i mezzi.

Ci hai regalato un tesoro di esperienze – consigli di buon amico – umanità altrui laddove sei passato e ti sei offerto a chi ti ha incontrato strada facendo. A prescindere di quello che farai d’ora in poi comunque mi rimane il sapore di sentire vicino un amico che prima o poi conoscerò anche di persona ma che nell’anima sei tanto accanto come per tutti coloro che ti seguiamo.

Grande GIO! per tutti i km che ci hai regalato e sappi che avrai sempre la compagnia che ci hai saputo regalare da quella finestra d’aria fresca che – tramite internet – ci è arrivata sempre accanto dalle tue nuove esperienze – situazioni – illusioni su strada.

.., siamo il viaggio che facciamo!!! questo è il mio moto e so che tu continuerai a crescere.

Di nuovo: GRANDE GIO!!!!! e Grazie di Cuore,

——————————
Uly

cicalino scrive:

va beh! che devo dire, mi dispiace molto, e non penso che tu debba dare altre spiegazioni. hai già fatto molto, ci hai fatto sognare, sperare e vivere qualcosa che abbiamo anche noi nel cuore ma che non riusciamo a fare per i più svariati motivi. tu eri li fuori un po per tutti noi,….. ok …….. adesso dove ci porti?
a presto
cicalino

Gianni scrive:

Sei sempre un vincitore…e sei ancora giovane per prenderti una”rivincita”semmai ce ne fosse bisogno,rappresenti quello che per molti è solo un modo di dire ben sapendo che prendere una decisione come la tua è davvero difficile!!!

El Sys scrive:

E’la prima volta che ti scrivo quì..ci siamo sentiti solo un paio di volte su revlimiter,quando avevamo aperto un thread per esprimerti il nostro affetto e l’attaccamento al tuo sogno..un pò anche il nostro..
…ed ora me ne pento,perchè scrivo in un momento triste,quando mille altre volte avrei voluto farlo mentre eri sorridente in sella alla tua bimba..
Ho detto triste perchè per te immagino possa esserlo..ma per tutti quelli che sono lì ad aspettarti..sarà gioia pura.
Pensa a questo.E prendi questo stop come una fermata nel lungo viaggio.
Hai scritto “Torno a casa.”Ma io non ci ho letto “per sempre”…
un’abbraccio “unico Re dei nostri sogni da viaggiatore”!

Donnie scrive:

Non farlo!!!! Non mollare!!! So che parlare da qui è facile, ma tu ci hai dimostrato 1000 volte di essere pieno di risorse, usale, non fare che il tuo sogno finisca così!!! Ti siamo vicini.

Ivano P. scrive:

Mi dispiace… Ti aspettiamo!

Gionata, conta fino a dieci e poi pensaci bene. Se decidi di mollare fallo consapevolamente, ora forse sei ancora frastornato dall’incidente. Non ti arrendere, ricorda che la forza della vita è più grande di ogni sconfitta. Se lasci, non fa niente, perchè niente è per sempre, ma non lo fare. Sei forte, ricorda.
Bacione. Ci vedremo a Firenze prima o poi…..CARPE DIEM GIONATA!!

Sandro scrive:

Spero che questa “inversione di tendenza” sia addebitabile ad un grande amore, più grande della libertà che ci hai fatto sognare ! Vedevo che eri “troppo” presente su faccialibro, non lo riconoscevo “tra le tue corde”.
Capisco solo che stai comunque rispettando la tua indole, di agire dietro ai tuoi sentimenti e non dietro a qualsivoglia clichè.
Se vorrai spiegare, siamo qui, se vorrai una birra a Firenze, sono qui, se vorrai “sparire”……….
……..sii leggero,……..buon vento e mucha mierda
Sandro

Caro Gionata, non conosco le motivazioni che ti hanno portato a questa conclusione, ma sono sicuro che se questa è la tua decisione non c’è nulla di sbagliato di cui tu debba rimproverarti…evidentemente doveva andare così!
Benchè questa meravigliosa avventura stia volgendo al termine devo dirti che non mi dispiace tanto per il fatto che sia finita prima del tempo, quanto per il fatto di leggere amarezza e delusione nelle tue parole.
Ci tengo solo a dirti che per me, come sono certo per la maggior parte dei tuoi lettori/sostenitori, questa decisione non intacca minimamente la grandissima stima che ho nei tuoi confronti.
Sei il migliore e lo hai già dimostrato!
Grazie per tutte le belle emozioni che mi hai fatto vivere con la tua storia.
Grazie ed in bocca al lupo di cuore per il tuo rientro e per la tua vita futura.
luciano ‘easy rider’

paolo scrive:

quale sarebbe il problema a prendersi una pausa?
riposati, ricarica le batteerie, valuta il percorso interiormente.
Se ti andrà lo riprenderai da dovve lo hai lasciato.
la vita è tua, mica del sito, della moto o di chi ti segue…

un abbraccio.
p.

stefano scrive:

ciccio, leggere questo post mi ha fatto venire il magone,per noi sei stato un grande un esempio che nella vita se si vuole una cosa la si può realizzare,e tu ci sei riuscito anche se ora hai deciso di tornare…ti stiamo vicini per me ma penso per tutti sarai in qlc caso il nostro gionata un abbraccio di cuore

federico scrive:

mi dispiace davvero tanto Gionata!sono sicuro che avrai le tue buone ragioni per farlo,hai regalato un’emozione a chi ti ha seguito in questi 5 anni!in bocca al lupo e chissà se mai ci vedremo al tuo ritorno in italia!

Fabrizio scrive:

Io non credo….
secondo me ci stai prendendo tutti per il c….

ciao

Fabrizio

Carlo Ceres scrive:

Sono senza parole. Gionata, spero tu stia bene… bene nel cuore. Perché il tuo viaggio non finisce qui. E noi siamo sempre con te. Pronti a sognare e a ripartire per…
Carlo

Riccardo.P scrive:

…….nn so che dire nn ho parole!!!!!
cazzo ci sono rimasto di sasso!!!!
Purtroppo nn ci sarò al meeting causa lavoro…leggero le motivazioni oppure sentirò gli altri moderatori….

Nn ci posso credere …e io che pensavo che nn saresti mai tornato saresti stato a vagabondare x il mondo….

sorellona scrive:

gioni, rispondi al telefono…

Giacomo scrive:

Per quello che ne so tornare è più difficile che partire. Buona fortuna, stai bene.

..pauli scrive:

Un viaggio senza un ritorno non ha senso. Tu hai deciso di farlo adesso, magari a malincuore, magari improvvisamente, magari sei stato costretto a farlo. E’ un ritorno, non una resa. Il ritorno fa parte del viaggio.

Buona vita gionata

..pauli

Daniele Moscetti scrive:

Scusami ma al posto di dirti mi dispiace (è così) devo solo dirti GRAZIE, mi sembra ieri che per caso ho visto il tuo video su youtube e grazie a te ho incominciato a sognare, ma il sogno mi ha spronato e la voglia di conoscere, di esplorare m’è tornata più forte che mai. Voglio dirti GRAZIE di tutto, non sai quanto hai significato per molti di noi, e torna a testa alta. spero di incontrarti un giorno…

R4is scrive:

Quello che hai fatto fino ad ora è gia leggenda…

stefano_dapesaro scrive:

mi hai ci hai fatto sognare. quelle non sono ferite da incidente… secondo me, cazzo!!! a serra de’ conti vicino a casa… mi fai venire voglia di tornare per vederti di persona!! cazzo!!! ti ringrazio peri sogni che ci hai regalato… a volte le cose vanno così… va bene così.. grazie rimettiti… ma nell’anima… il corpo arriva sempre!!!

Claudia scrive:

Mi dispiace tantissimo ho sempre tifato per te!!!!!!!
Ma i tuoi risultati comunque restano , le tue avventure e il tuo coraggio ci hanno fatto sognare!!!!!!!!!
Ora inizia comunque una nuova avventura per te…
Tanti abbracci

Alessandro scrive:

Tornare è parte del viaggio, talvolta la migliore;
cadere è parte dell’andare su due ruote, farsi molto male no.
Prova a trovare la strada di casa, prova a cominciare la terza vita, visto che stai scrivendo la parola fine sul dorso della seconda.
In questi anni siamo venuti in tanti un po’ in giro insieme a te: ora lasciaci lì, dove sei adesso, chè il tuo bagaglio è già pesante.
Buona vita, immenso sognatore.
Grazie

nanni scrive:

Dai Gionata, ti seguo da molto, e non mi sento deluso per questo tuo tornare a casa, piuttosto mi dipiace moltissimo per te.
Hai fatto qualcosa di grande ed hai avverato il tuo sogno molto di più di quanto non faccia il 99,9 % dei ragazzi della tua età, siine orgoglioso!
Un abbraccio!!
(non troppo forte visto come sei conciato, ma pieno lo stesso di affetto)
nanni

roberto scrive:

non sai quanto mi dispiace giona…come ti sono stato vicino a modo mio nelle difficolta ti staro vicino pure ora che mi rendo conto non è un momento piacevole…spero tu stia bene…ricorda ogni fine è l’inizio di qualcosa…ti aspettiamo ciao…

cazzo gio’
son rimasto di merda…
hai le tue giuste motivazioni e ricorda che non portare a termine il tuo progetto non scalfisce minimamente quei due gran coglioni che hai.
Ti stimo fratello, per il coraggio che hai e che hai dato a me, per la passione che mi hai letteralmente attaccato per la Transalp.
Sei un grande, IL PIU grande per quanto mi riguarda.
L’italia ti aspetta a braccia aperte e tanto o poco che sarà il tempo che trascorrerai qui un giorno lo prenderai come un sogno.
E la TUA VITA VERA, quella in sella, tornerà a farci appassionare!
Un abbraccio sincero
Simone

francesco scrive:

mi dispiace un mondo….
..attendo di sapere le motivazioni….
ti sn accanto….

Vincenzo scrive:

Un fulmine a ciel sereno! :(

Banty scrive:

decisamente un fulmine a ciel sereno, spero che questo ritorno sia una scelta e non un obbligo per cause di forza maggiore.

stefania scrive:

gioni, che fu’? cos’è sta storia?non ci posso credere..tu stai “fisicamente” bene???
un bacione

Sonia P. scrive:

Mi tremano le mani….non sò perchè ma nella mia testa tu non saresti mai tornato, non avresti mai mollato…non posso crederci…dopo anni che ti seguo questo proprio non me l’aspettavo…ti sono vicina.

Sirrusina scrive:

leggerò le motivazioni…
mi spiace un sacco
:-(((((
tu stai bene?