Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Tour delle Americhe (Settimana 10) + video

Tour delle Americhe (Settimana 10) + video

PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti

gionata nencini, partireper.it, honda transalp, newsletter 10, tour delle americhe

Il Messico spacca, c’è poco da fare.

Così tanto da vedere. Così tanto da temere, ma alla fine se va tutto bene, come è andato a molti di quelli che ci hanno viaggiato in moto, l’esperienza è indimenticabile. Bellissimo paese, bellissima gente, bellissima donne, buonissimo cibo, bellissime strade. E poi è un paese vasto e presenta un sacco di scenari diversi.

Ci sono entrato la scorsa settimana e non ho ancora finito di ammirarne la bellezza.

Poi però la magia viene interrotta da l’ennesimo guasto meccanico alla moto e l’attenzione passa tutta su di lei, ancora.

Ma se lo dicevo prima, lo ridico adesso: le persone qui sono davvero incredibili, forse non puntuali, forse un po’ sospette, ma quando ti danno una mano lo fanno con il cuore.

Così il cuscinetti ruota posteriore distruttosi dopo meno di 20000 km viene cambiato in men che non si dica e il mio arrivo a La Paz di Baja California è trionfale in tutti i sensi. Sfuggo dal clima anomalo che aveva colpito con forte raffiche di freddo la regione da cui ho preso il ferry ed arrivo al calduccio qui, fino a San Josè de Los Cabos dove mi prendo una stanzetta e faccio anche il tagliandone alla moto, dopo 13000 km dall’ultimo fatto poco più di un mese fa in Colombia.

Sono una fava, questo va detto!

Forse per l’imbarazzo delle mie scarse capacità meccaniche e motociclistiche che non mi faccio chiamare un motociclista, bensì un viaggiatore.

Fatto sta che se mi impegno, se mi sforzo al 150% riesco a mantenere la moto in buone condizioni ed evitare rotture e danni a cadenza settimanale e sta di fatto che, se solo avessi messo questo impegno fin dall’inizio mi sarei accorto che viaggio da due anni con una moto ripassata e con la molla settata sul precarico più duro (da asfalto insomma) ed io ci ho fatto decine di migliaia di km a pieno carico su sterrato pesantissimo.

Ai voglia te a sgonfiare le gomme, pigliavo certi stonfi!

Ma meglio tardi che mai, no?

Ora la moto si sente una meraviglia e posso risalire verso nord, direzione USA, senza preoccupazioni. Solo la gomma posteriore comincia a deteriorarsi più del dovuto, ma la porteremo fino al suo canto del cigno.

Bucare a 10 km dal gommaio è la mia specialità!

Un abbraccio

PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti

Related posts

2 Comments

Leave a Reply

PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti