Moto Tendata 2019
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV

Mi preparo per un possibile viaggio nella mia terra che farà da apripista per un viaggio a zonzo per il mondo

Posted In: Consigli di viaggio – Cerco / Offro
  • Antudo on: 26 Aprile 2011 alle 20:32 #15136

    Salve, da un po’ di tempo seguo viaggiatori come Gionata e da sempre ho amato la libertà delle due ruote e ho sognato di viaggiare senza meta, facendo del viaggio la propria vita.

    Attualmente mi sono trasferito in cerca di lavoro e vita dalla Sicilia in Friuli e qui ho scoperto il gusto di girare per posti che non conosci, fermarti a parlare con le persone partendo da un semplice chiedere informazioni.

    A volta (specialmente qui al nord) sono stato vittima di pregiudizi per un motivo o per un altro, ma soprattutto sono stato io in primis ad avere pregiudizi.

    La mia idea di viaggio a zonzo per il mondo è quello di conoscere, apprendere e vivere ciò che ci distingue, che ci rende diversi, unici e accomunati.

    Cosa voglio fare nel mio viaggio, andare senza una meta, rapportarmi, confrontarmi con nuovi mondi, conoscerli e viverli, vivere immedesimandomi in una cultura diversa, in una diversa abitudine e tenore di vita. Apprendere ma anche dare ciò che so io e che la mia terra mi ha dato. Ma come posso io ricevere e dare se non conosco fino in fondo le mie origini? Cosa posso portare nel mondo se non possiedo nulla?

    Per questo voglio maturare una consapevolezza personale di chi sono e da dove vengo, conoscere storia, cultura, tradizioni, folklore, arte e altro ancora che mi caratterizza rendendomi una tessera che compone il puzzle chiamato mondo.

    L’unico modo per fare ciò è immergermi in quello che la mia terra può darmi, in particolare la Sicilia (tengo molto alla mia amata isola) e per raggiungere questo obbiettivo ho intenzione di fare un viaggio conoscitivo e di preparazione per poi affrontare un viaggio impegnativo e duro ma al tempo stesso consapevole di cosa portare con me.

    Vado nel dettaglio. Per apprendere e capire le mie origini voglio viaggiare per la mia terra senza impegno ne limiti di tempo, adattandomi, fermando una volta incrociato un altro essere. Chiederò appoggio ai locali, chiederò loro ospitalità (mettendoli alla prova su ogni aspetto) così come voglio sfruttare piccole aziende o attività o ancora artigiani che con passione  portano avanti un pezzo di Sicilia. Un esempio: lungo la strada incontro un piccolo allevatore che o per piccola attività o per se stesso produce e lavora prodotti che caratterizzano la mia regione, sarà li che mi fermerò, che chiederò a loro stessi di rendermi partecipe per una giornata.

    Non parlo di sponsor ma semplicemente di vivere un’esperienza per apprenderla, portarla, raccontarla e donarla. Stessa cosa se incontrerò un agricoltore che coltiva arance rosse, chiederò di darmi la possibilità di aiutarlo nella raccolta facendo raccontare un po’ tutto ciò che riguarda, così come un carrettiere, un vecchio scalpellino e così via. Vivere senza chiedere nulla, perchè è proprio questo che voglio, qui e in viaggio, se io per caso mi recassi in Irlanda, io starei lontano dalla capitale, andrei in quei piccoli paesi dove tutto è rimasto genuino, vivere con loro e come loro, senza pretese.

    Quindi voglio svolgere intanto un personale viaggio per la mia terra, purtroppo dovrò tornare in Sicilia quasi certamente, ma sono sempre più invogliato a dare inizio a questa avventura, e fremendo dalla voglia voglio compiere il giro per la mia terra con il mio scooter 50 (originale) del 2004. Quindi compiere un viaggio che servirà a rendermi consapevole di quello che mi spetta e di quello che voglio per poi dare il via al viaggio senza meta il prossimo anno.

    Si tratterebbe di un progetto molto in economia quindi ho un paio di dubbi:

    1 Dormire: quali sono i posti migliori (per quanto riguarda gli intoppi legati alla natura e all’uomo) ? Secondo quali criteri scegliere i posti migliori (buonsenso e cautela a parte)? Come reagire in caso di conflitti con natura come animali ad esempio e come in caso di conflitti con l’uomo (animali bipedi)?

    2 Lavarsi non sempre è possibile, e io penso di voler toccare ogni singola provincia e più comuni possibili, quindi non sarebbe un semplice costa a costa che mi faciliterebbe il tutto. Come stabilite se l’acqua è “pulita” o inquinata (come in torrente pieno di scarti chimici e così via)? Quali sono i sistemi migliori per una doccia?

    3 Spesso si impara a far i ruffiani con la gente che si incontra per avere “sostegno”, che sia un giardino per la tenda, un pompa da giardino per una doccia, un bicchiere d’acqua  o un piatto di pasta. Quali sono i dettagli che danno fiducia a chi vi offre ospitalità e appoggio?

    4 Abbigliamento tattico: considerate le “velocità” e il periodo, cosa mi consigliate di strettamente necessario?

    5 Metodi per non farsi ciulare robe dai bagagli?

    Gionata Nencini on: 4 Luglio 2011 alle 22:10 #19121

    Ciao Antudo, ecco le risposte alle tue domande:

    1. i posti migliori sono quelli di campagna, dove la gente è cortese e dove spesso ci sono zone lontane da case e centri abitati e puoi campeggiare a 300 mt dalla strada principale, sensa perderti e senza correre rischi

     

    2. beh quello lo vedi un po' anche ad occhio, se èe estate puoi usare i laghi, le sorgenti, le fontanelle… o chiedere ai locali più cortesi se ti fanno fare una doccia in casa loro

     

    3. guardagli negli occhi e sii sincero. parla con il cuore

     

    4. sempre meglio viaggiare con qualcosa di ogni stagione, non si sa mai in caso di pioggia.

     

    5. usa valige con chiavi e rigide, non quelle di goretex

     

    ciao facci sapere come andrà!

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.