Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
Ride True ADV
20.000 pieghe 2015
Photo Credit To Gionata Nencini 2015

20.000 pieghe 2015

PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti

È stata la mia prima 20.000 pieghe. Marco me ne aveva parlato mostrandomi i suoi lavori videografici l’anno passato e così ho contattato l’organizzazione proponendomi come motoviaggiatore interessato a condividere con i partecipanti la propria esperienza in moto. In qualità di autore del Manuale del Motoviaggiatore avrei anche portato alcune copie del mio libro ed i programmi di viaggi dei tour in Patagonia e Terra del Fuoco e Bolivia e Perù che guido per la Ride True ADV.

Daniele Alessandrini, presidente del MotoClub FMI Moto Lampeggio, ha accolto la mia richiesta di partecipazione con grande gioia mettendo a mia disposizione la sua cortesia e la professionalità del suo team di accoglienza. Al mio arrivo mi viene indicato uno spazio espositivo nel quale disporre i miei libri e durante il briefing con i partecipanti vengo presentato assieme a Marcello Anglana e Davide Biga, rispettivamente partecipante o responsabile di punti di controllo.

Le regole sono chiare:

La 20.000 pieghe non è una gara di velocità, la media oraria consigliata per vincere questa rassegna è compresa fra 36 e 39 km/h. Trattasi quindi di una gara di regolarità basata sull’orientamento (sia con mappa che gps).

Il road-book ci viene consegnato la sera prima, le moto sono identificabili con dei numeri e i piloti con delle casacche gialle con lo stesso numero riportato su entrambi i lati. Con l’ausilio di una mappa 1:400.000 della regione Lombardia o Italia Settentrionale è possibile preparare il proprio itinerario prima di coricarsi e cercare di seguirlo il più accuratamente possibile una volta in sella, rispettando la puntualità delle partenze e dei controlli oraria a sorpresa previsti lungo il percorso.

Partecipo in qualità di moto esploratore, ma la cosa che mi interessa di più è vedere per la prima volta, in sella alla stessa moto che cui ho girato il mondo, quello che l’Italia ha da offrire. Non lo dovrei dire ma ho il tachimetro e il conta chilometri rotti da mesi e l’unica cosa con la quale posso orientarmi è la mia mappa 1:500.000 e la familiarità con tempi e distanze che ho appreso in viaggio.

Il bello però sono i passi, i tornanti, i panorami, i colori e l’atmosfera intensa che si respira in ogni angolo del nostro paese, se scoperto per la prima volta in sella alla propria moto.

La manifestazione continua con il suo ritmo e ogni giorno maciniamo km costellati di viste mozzafiato, spuntini di qualità, pranzi ottimi e momenti di condivisione veramente piacevoli. La sera si torna dietro al tavolo sul quale sono disposte alcune copie del Manuale del Motoviaggiatore, i presenti si avvicinano, chiedono, parliamo, alcuni portano via una copia, altri si interessano ai miei tour e alcuni mi conoscono perché hanno seguito partireper negli anni passati.

Le cene sono sempre diverse, ci si riempie il piatto e si siede accanto a nuove persone ogni volta. La cosa è molto stimolante. Ci sono persone da città e regioni diverse, età diverse, moto e stili di guida diversi e la ripetitività è una cosa che non accade mai.

Ogni sera vengono affissi i risultati parziali, le classifiche e consegnato l’ennesimo road book. Ogni mattina una partenza nuova, ogni mattina strade diverse e climi mai uguali. Tocchiamo il Passo dello Stelvio, Gavia, Lago di Garda e siamo anche entrati in Svizzera per una serie di tornanti al confine. Bellissimo davvero. L’estratto video qui sotto è solo un assaggio di quelle che sono state 8 ore al giorno per 3 giorni, di scalate spettacolari.

Il Sabato, giornata conclusiva della rassegna, le classifiche parlano chiaro ma potrebbe esserci il colpo di scena. Il clima è stabile e tutti sono molto presi dagli ultimi km prima della celebrazione prevista per la sera. E in tutto questo panorama di curve, tornanti, km, sole ed entusiasmo arriva di punto in bianco la notizia che si sparge incredule sottovoce fra i partecipanti che si riuniscono per l’ennesimo spuntino:

La gara è annullata. Uno dei partecipanti ha avuto un incidente ed è deceduto.

La sensazione di vuoto è immediata, ci si chiede quando è accaduto, dove e chi sia la persona coinvolta, ma i dettagli arrivano fra i silenzi basiti di molti e le lacrime di altri. Si ritorna in hotel con amarezza, gli organizzatori decidono di sospendere i festeggiamenti e premiazioni previsti per la serata di sabato e i dettagli che mancavano vengono comunicati durante la cena.

Cesare Zennaro non è più tra di noi. Sabato 13 Giugno 2015, mentre partecipava all’ultima tappa della 20.000 Pieghe, ci ha lasciato facendo quello che amava di più, andare in moto. Tutti i partecipanti alla 20.000 Pieghe, si sono subito stretti tra loro in un profondo stato di tristezza per una giovane vita che come tutti noi era animata dalla passione e dalla gioia delle due ruote. Ci piace pensare che Cesare ora stia percorrendo nuove strade, oltre e davanti a questa vita terrena, per sempre sereno e felice. Ringraziamo Paolo Sesti, presidente della Federazione Motociclistica Italiana, per esserci venuto a trovare nell’albergo, base della manifestazione, la sera stessa dell’incidente, portandoci con discrezione e affetto il suo sostegno e la sua solidarietà. Il Moto Club Motolampeggio insieme al suo presidente Daniele Alessandrini e a tutto lo staff della 20.000 Pieghe, sono vicini alla famiglia che in questo momento di grandissimo dolore ha certamente il reale bisogno di sentire calore umano e amicizia sincera, lo stesso calore umano che circondava Cesare. Daniele Alessandrini

  • gionata-nencini-partireper-honda-transalp-manuale-del-motoviaggiatore-20000-pieghe-2015-bergamo-6
  • gionata-nencini-partireper-honda-transalp-manuale-del-motoviaggiatore-20000-pieghe-2015-bergamo-4
  • gionata-nencini-partireper-honda-transalp-manuale-del-motoviaggiatore-20000-pieghe-2015-bergamo-5
  • gionata-nencini-partireper-honda-transalp-manuale-del-motoviaggiatore-20000-pieghe-2015-bergamo-3
  • gionata-nencini-partireper-honda-transalp-manuale-del-motoviaggiatore-20000-pieghe-2015-bergamo-1
  • gionata-nencini-partireper-honda-transalp-manuale-del-motoviaggiatore-20000-pieghe-2015-bergamo-2
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti

Related posts

Leave a Reply

PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti
PDF Gratuiti