Header Rotativo
Header Rotativo
Header Rotativo
Header Rotativo
Rubriche: Emozioni
  • Cerco di salvare quante più balene posso, lavoro con i bambini perché mi diverto forse più di loro, lascio la mia moto in mani fidate per l’ennesima revisione e… ho la tenda monoposto più confortevole del mondo quando si è in due


  • La Nuova Zelanda mi riserva solo sorprese piacevoli ed anche un intervallo sentimentale. La moto funziona bene, le gente è ospitale e gentile, le distanze si affrontano a cuor leggero.


  • Dopo un arrivo un po’ concitato alla sede della Honda in Australia, mi offrono una Transalp nuova ma… non se ne parla. Accetto invece una VFR 800 in prestito per andare a fare due pieghe in Tasmania


  • Quasi 700 chilometri al giorno di media per un mese per imbarcarmi a Melbourne. In mezzo, uno dei posti più affadcinanti che abbia mai visto, talmente bello da far dimenticare i pericoli mortali di cui è popolato


  • Continuo ad attraversare l’Australia ma mi godo poco la guida, che si fa impegnativa. sono ossessionato dai consumi, che mi dissanguano i risparmi, e da altri problemi mecc anici. Conoscere poco la mia moto non mi aiuta. E perdo anche la targa. Ma non ho nostalgia di casa.


  • Per chi gira il mondo autofinanziandosi cammino facendo, una sosta in Oceania è praticamente obbligatoria. Questo Paese per alcuni versi ha mantenuto lo spirito pionieristico e “organizzarsi” per sopravvivere non è difficile.


  • Appena sbarcato in Australia arrivano i problemi: soldi, distanze e delle procedure di importazione all’inizio molto costose. Ma grazie all’aiuto  di qualche amico che mi segue via internet dopo poco ho un lavoro, una casa e di nuovo la mia moto


  • Nutro un’enorme stima e rispetto per i viaggiatori degli ann i ‘60. Senza internet, email, sms e Google, il mondo doveva sembrare quattro volte più grande e viaggiarci con l’intento di conoscerlo, era una vera avventura ed un impresa degna di nota.